Al Comune di Castel del Giudice la medaglia d’Argento al merito civile

Il paese fu quasi distrutto durante la seconda guerra mondiale, ma poi ricostruito, esempio di sacrificio e affermazione di libertà e democrazia.

Al Comune di Castel del Giudice  la medaglia d’Argento al merito civile

A porgere la medaglia al sindaco Lino Gentile, il Prefetto di Isernia Gabriella Faramondi, giunta a Castel del Giudice con vari esponenti delle più alte cariche istituzionali del territorio, civili, militari e religiose.

 

Una cerimonia celebrativa che è stata occasione per ripercorrere gli eventi che segnarono la comunità del paese, oltraggiata da numerosi episodi di violenza e di prevaricazione, fino alla quasi distruzione dell’abitato che, dopo l’8 settembre del 1943, la data dell’armistizio, subì numerosi rastrellamenti da parte delle truppe naziste.

 

La motivazione legata alla Medaglia d’Argento, conferita dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella il 20 aprile del 2022 è la seguente: Castel del Giudice “Durante il periodo bellico fu oggetto di rastrellamenti, cannoneggiamenti e numerosi incendi, che costrinsero la popolazione ad allontanarsi dalle abitazioni. Esempio di sacrificio e di affermazione dei principi di libertà e democrazia- 1943/1945” .