Biennale dell'antiquariato: Baratti torna a Palazzo Corsini

Sono trascorsi 40 anni da quando l’antiquario di origine fiorentina Giorgio Baratti, dopo 20 anni di carriera, decise di aprire la sua galleria d’arte a Palazzo Bigli Ponti di Milano, una dimora di epoca sforzesca situata a Milano nel quartiere dei Borghi, presso Via Monte Napoleone.

Biennale dell'antiquariato: Baratti torna a Palazzo Corsini

Uno dei pezzi più rilevanti della collezione di Giorgio e che ha scelto di portare alla Biennale di Palazzo Corsini a Firenze è il bassorilievo centinato in marmo di Gregorio Di Lorenzo (Firenze 1436 ca. – Forlì 1504 ca.) denominato Madonna col Bambino che stringe un uccellino e due cherubini e già proveniente dalla collezione di Carlo De Carlo. Schedata nel 2013 da Giancarlo Gentilini, l’opera mette in luce le capacità dell’artista che fu allievo di Desiderio da Settignano e costituisce uno degli esemplari più raffinati della sua attività.

Vi è poi un’elaborata e fastosa placchetta di considerevoli dimensioni – opera dell’artista fiorentino Antonio Averlino detto il Filarete – dell’inizio della seconda metà del Quattrocento, in forma di edicola architettonica ornata da esuberanti motivi di gusto archeologico, in origine utilizzata come pace o altarolo portatile (lo attestano i due punti di giunzione di una maniglia poi rimossa visibili sul retro), raffigura la Vergine che allatta il Bambino tra due angeli adolescenti, uno dei quali lo sostiene premurosamente, e due piu giovani angioletti musicanti con liuto ed arpa. La scena è ispirata da un piccolo rilievo di Donatello che si trova al Victoria and Albert Museum di Londra.

Tra i dipinti spicca senza dubbio il Nudo maschile che il pittore parigino Jean François Lagrenée realizzò nel 1760, anno in cui viene realizzata l’opera, è l’anno in cui Lagrenée viene ingaggiato presso la corte russa di San Pietroburgo come direttore dell’Accademia di Belle Arti; il nudo qua offerto, strepitoso nella qualità pittorica, ha la dignità di un Cristo deposto e verso questo prototipo iconografico Lagrenée guarda per la disposizione del corpo, magnificamente intatto e adagiato su rovine classiche.

C’è poi l’olio su tela raffigurante il Martirio di Sant’Agnese, dipinto inedito attribuito a Jusepe de Ribera, probabilmente iniziato prima del 1640 e completato da Francesco Fracanzano per quanto concerne le figure in secondo piano.

E ancora la suggestiva Ultima cena del veneziano Francesco Zugno, tra gli allievi di Giambattista Tiepolo, ma dotato della particolarità di essere molto vicino al grande maestro, ma al tempo stesso abile nel saper personalizzare i suoi insegnamenti, inserendone una vena quasi ironica e scherzosa, anche se talvolta un po’ manierata. Di questo artista Baratti propone, come unica documentazione di un’Ultima cena ormai andata perduta, questo modelletto, che rappresenta la testimonianza preziosa nella ricostruzione globale degli interventi commissionati allo Zugno per l’Isola di San Lazzaro.

Infine la bellissima Sant’Orsola, capolavoro del veneziano Girolamo Forabosco (Venezia 1605 – Padova 1675), che ritrasse una misteriosa dama seguendo i canoni dei grandi specialisti del Cinquecento quali il Giorgione, Tiziano, Palma il Vecchio fino al più vicino Lotto e che oggi appare di un fascino senza tempo.

Una vita per l’antiquariato

Antiquario affermato a livello internazionale e perfetto connoisseur della Storia dell’Arte, Giorgio Baratti opera dal 1964 nel settore dell’antiquariato, prima tra Pisa e Firenze, quindi a Milano, dove fonda, nel 1982, la Giorgio Baratti Arte Antica.

Sita nel cuore di Milano, la galleria conoscerà nel corso degli anni un consistente ampliamento espositivo, imponendosi gradualmente come una presenza importante nella vita dell’antiquariato italiano e internazionale, con la possibilità di proporre ai clienti una notevole varietà di offerte e una vasta scelta. Attualmente la galleria Giorgio Baratti Antiquario è ospitata nel prestigioso Palazzo Bigli Ponti, una delle più importanti dimore milanesi in cui si fondono l’architettura bramantesca e la pittura rinascimentale lombarda.

Giorgio Baratti è stato consulente al Metropolitan Museum di New York, alla National Gallery di Washington e al Museo Nazionale di Varsavia, nonché Consulente del Catalogo dell’Antiquariato n° 3 e 4 del 1993/1994, Giorgio Mondadori Editore. Per alcuni anni è stato nel Consiglio di Amministrazione della Finarte e successivamente, fino al 2002/2003, Sovrintendente Generale ai Dipartimenti d’Antiquariato.

Le sue gallerie hanno preso parte a numerose mostre mercato, tra le più importanti delle quali figurano nel 2015 il Point Art del Grimaldi Forum nel Principato di Monaco, il MINT (Milan International Antiques and Modern Art Fair), l’Internazionale di Via Turati alla Permanente di Milano, il Gotha di Parma, il Collezionismo Internazionale a Palazzo Venezia, Roma e, per la prima volta quest’anno, la Biennale di Antiquariato di Firenze.

Tra le istituzioni museali che hanno acquisito negli ultimi anni delle opere transitate attraverso Giorgio Baratti, meritano una menzione il Paul Getty Museum di Malibù e il Museo del Louvre. La vasta competenza e la matura esperienza di Baratti lo accreditano come curatore di numerose collezioni private di grandi mecenati sia nazionali che internazionali.

La promozione delle opere viene fatta anche attraverso mostre corredate da cataloghi e prestiti in occasioni di grandi esposizioni nei musei. Dal 6 febbraio alll’11 aprile 2010, il comune di Cesena ha omaggiato la figura di Giorgio Baratti con una mostra scientifica curata da Massimo Pulini intitolata “Lo Studiolo di Baratti”, ove sono state esposte e pubblicate alcune delle opere d’arte in suo possesso. Hanno parlato di Baratti, tra gli altri, Andrea Emiliani, Claudio Strinati, Giancarlo Sestieri, Giancarlo Gentilini e Nicola Spinosa.

La selezione dei pezzi di Giorgio Baratti Antiquario può soddisfare una clientela variegata che spazia dall’esigente collezionista a chi cerca un tocco di antichità e prestigio o un investimento intelligente e sicuro. L’attività della galleria predilige i dipinti antichi eseguiti da artisti italiani o stranieri: le opere, essenzialmente inedite, si orientano di preferenza verso dipinti a tema profano o mitologico, sebbene la galleria, oltre a ritratti, nature morte e vedute, offra anche opere a tema religioso.

La galleria tratta inoltre sculture di Alta Epoca in marmo, metallo o legno e mobili dal XV al XVIII secolo. Degni di nota, infine, sono i rari mobili del Rinascimento.

BARATTI ANTIQUARIO S.r.l.
MILANO | Palazzo Bigli Ponti | Via Bigli 11
FIRENZE | Palazzo Frescobaldi | Via Santo Spirito 9
Tel: +39 02 36706446

www.giorgiobaratti.it

Biennale Internazionale di Antiquariato di Firenze
Stand n. 77-78
Fino al 02.10.2022
Palazzo Corsini | Lungarno Corsini | Firenze