Caccia all’ultimo padrino

DOMANI, alle 21:25, su Nove il documentario su Matteo Messina Denaro.

Caccia all’ultimo padrino

Il documentario è la quarta puntata della serie Mafia Connection. Una produzione Videa Next Station per Warner Bros. Discovery.

 

È dal giugno 1993 che di Matteo Messina Denaro, l’ultimo padrino di Cosa nostra, si è persa ogni traccia. Una latitanza di lusso, favorita non solo dall’omertà dei fedelissimi, ma anche da depistaggi e tradimenti da parte di uomini infedeli dello Stato. Trent’anni di ricerche e imbarazzanti buchi nell’acqua sono al centro di “Caccia all’ultimo padrino”, il documentario - in onda il 15 ottobre alle 21:25 su Nove e già disponibile su discovery+ - che rimette insieme i pezzi di questa lunga e fallimentare rincorsa al latitante italiano più ricercato al mondo.

A fare da contraltare al racconto di cacciatori, magistrati e investigatori, la testimonianza esclusiva di Francesco Mesi, condannato per essere stato uno dei favoreggiatori del superlatitante. Mesi infatti, oltre a essere il fratello di Maria, presunta amante del boss a fine anni ’90, è stato l’autista di Matteo Messina Denaro durante i primi anni di fuga.

“Caccia all’ultimo padrino” racconta di complici e pedine di intrighi che partono da ambienti dichiaratamente mafiosi e si spingono fino ai palazzi del potere. Lì dove Cosa Nostra è stata capace di infiltrarsi, anche grazie a una rete massonica devota a Messina Denaro.

Il documentario, scritto da Lorenzo Avola con la regia di Ram Pace, è il quarto episodio di Mafia Connection, la serie ideata da Carmen Vogani e condotta dal giornalista Nello Trocchia. Una produzione Videa Next Station per Warner Bros. Discovery.

 

 

 

LEGGI ANCHE:

 

Ma che fine ha fatto Matteo Messina Denaro?

 

Il pentito: «Matteo Messina Denaro è un pezzo di merda. Voglio parlare con Di Matteo»

 

C'è un patto tra Stato e mafia? Per l'On. Aiello: «Non si vogliono guastare gli equilibri»

Cimarosa: «I figli non possono pagare gli errori dei padri»

«Le persone sono più coraggiose a Castelvetrano»

«Abbiamo bisogno della vera Antimafia, non quella da passerella»

 

Ci restano le monete

La sagra dell'ipocrisia

 

- A cosa serve commemorare?

30 anni dopo: la benedizione sui candidati dei condannati per mafia

 

Un Paese al contrario

 

L'INTERVISTA a Salvatore Borsellino

PRIMA PARTE. «Borsellino: «gli assassini di mio fratello sono dentro lo Stato»

SECONDA PARTE. «Chi ha ucciso Paolo Borsellino è chi ha prelevato l’Agenda Rossa»

TERZA PARTE. Borsellino «L'Agenda Rossa è stata nascosta. E' diventata arma di ricatto» 

 

L'INTERVISTA al colonnello dei carabinieri Michele RICCIO

Prima parte: «Dietro alle bombe e alle stragi ci sono sempre gli stessi ambienti»

Seconda parte: Riccio: «Mi ero già attrezzato per prendere Bernardo Provenzano»

Terza parte: «Non hanno voluto arrestare Provenzano»

Quarta parte: Riccio: «L’ordine per ammazzare Ilardo è partito dallo Stato»