«Dove il cuore si inchina, il piede cammina»

«È il 26 luglio 1953, Fidel ha trascorso due giorni con le sue notti insonni. Il piano è buono, il trionfo è possibile. Ma come a volte accade in guerra, e anche in amore, dal nulla è venuta sfortuna.»

«Dove il cuore si inchina, il piede cammina»
Ph portal cuba.cu

Con Fidel, le parole "dove il cuore si inchina, il piede cammina" si sono avverate alla lettera. In poco più di un anno, percorse quasi 50.000 chilometri nella sua Chevrolet, acquisita a credito, che in quel andi, si sciolse. Raccolse più di 1000 amici e buoni compagni, per cantare quella "mañanita". Chiese a Miret di praticare alcuni membri dell'"orchestra" in un locale dell'Università dell'Avana. Li ha travestiti da sergenti per l'occasione. Ogni dettaglio pianificato...

Molti sono stati infettati dalla sua passione. "Elpidio Sosa vendette il suo lavoro e si presentò un giorno con trecento pesos per la causa; Fernando Chenard vendette i dispositivi del suo studio fotografico, con il quale si guadagnò da vivere; Pedro Marrero ha zampato il suo stipendio di molti mesi ed è stato necessario proibirgli di vendere anche i mobili della sua casa; Oscar Alcalde, vendette il suo laboratorio farmaceutico; Jesús Montané, diede i soldi che aveva risparmiato per più di cinque anni; e così via, molti di più, ognuno spogliandosi di quel poco che aveva.

Dal giorno prima, la maggior parte degli uomini si trova già nel luogo in cui hanno affittato per incontrare e finalizzare i dettagli. Fino alla fine! Arriva la mattina presto. Partono per Santiago alle 4: 45 e alle 5:15 inizia la conquista. È il 26 luglio 1953, Fidel ha trascorso due giorni con le sue notti insonni. Il piano è buono, il trionfo è possibile. Ma come a volte accade in guerra, e anche in amore, dal nulla è venuta sfortuna.

Soldati batista e altre disgrazie lungo la strada

"È allora che vedo, circa 20 metri davanti alla mia auto, una pattuglia di soldati con mitragliatrici Thompson (...) Si rendono conto che qualcosa sta succedendo nel palo della sentinella, e sono in una sorta di posizione per sparare al gruppo di Ramirito e Montané.

(...) quello che dovevo fare era dimenticarli e andare avanti. Se quei soldati vedevano un'altra macchina e un'altra macchina, non sparavano. Ma la verità è che ho cercato di proteggeredirettamente i compagni, mi avvicino a loro e me ne vado per sorprenderli e catturarli da dietro, ma nel momento in cui mi sto avvicinando -sarei già a circa due metri di distanza - si girano e puntano le armi. Quindi quello che faccio, perché la macchina era ancora in movimento, è gettarla sul marciapiede, sopra le due.

(...) La situazione è che quelli che vanno nelle altre macchine dietro di me, quando l'incidente si verifica scendere, uno di quelli che viene con me, quando scendendo dalla destra fa una possibilità,e tutti coloro che vanno dietro la mia auto scendere per adempiere alle istruzioni assegnate la mattina di quel giorno a Siboney (prendere le stazioni di fronte a loro e spingere i soldati in un cortile, in mutande, perché stavano per dormire, non c'erano problemi; a piedi nudi, in mutande e senza armi, li avremmo fatti prigionieri). Poi la sparatoria si disa diffuse",ha detto Fidel.

Quando il fattore wow viene perso

L'enorme e decisivo vantaggio della sorpresa era stato perso. Il combattimento si combatte fuori dalla caserma. Fidel entra nell'ospedale militare per far fuori i compagni che confondevano quell'edificio con l'obiettivo di essere occupati (dal momento che sono per lo più Artemiseños e Habaneros). Riesce a far uscire un piccolo gruppo. All'ingresso della caserma si schiantano e disabilitano l'auto. Tenacia e coraggio degli assalitori, nonostantele circostanze sfavorevoli. Iniziative individuali eroiche, ma non c'era più una soluzione.

"Abbiamo perso il contatto con il gruppo dell'auto che ha preso il palo (Ramiro, Montané e altri). Quelli di Abel e Raul, con i quali non abbiamo alcuna comunicazione, possono essere guidati solo dal rumore degli spari, già in calo da parte nostra, mentre il nemico, recuperato dalla sorpresa e organizzato, ha difeso le loro posizioni.

(...) non c'era più alcuna possibilità di raggiungere l'obiettivo. Puoi portare la caserma con una manciata di uomini se la tua guarnigione dorme, ma una caserma con più di mille soldati, svegli e pesantemente armati,non era più possibile. Più che gli spari, ricordo il rumore assordante e il rumore amaro dei segnali di allarme che hanno snodato il nostro piano.

Nel bel mezzo della battaglia, Fidel protegge la propria

La protezione dei compagni in pericolo è innata a Fidel. Lo ha dimostrato di fronte al rischio di morte che affliggeva il suo quando hanno preso il palo dell'ingresso della caserma. Inoltre, quando si entra nell'ospedale militare per rimuovere da lì coloro che non conoscevano la zona. Nei minuti più difficili di combattimento, avrebbe anche mantenere la responsabilità della protezione dei suoi compagni.

Erano passati non più di 30 minuti, e forse meno, quando si rassegnava all'idea del contrario dell'azione. Comincia a dare ordini di rimozione. Si trova in mezzo alla strada con il suo fucile a pompa calibro 12. Sul tetto dell'edificio della caserma c'è un soldato con una mitragliatrice pesante calibro 50 che minaccia di "spazzare" la strada. Quello di Birán se ne occupa, mentre parte della sua truppa sale sui carri e si ritira.

"Non vedi più nessuno, non si vede un solo combattente, e nell'ultima macchina che cavalchi, e dopo essere stato dentro, a destra della schiena, c'è un nostro uomo lì, uno che ci è arrivato e rimarrà a piedi. Poi, me ne vado e gli do il mio posto. E ordine alla macchina di ritirarsi.

E stavo da solo lì, in mezzo alla strada, da solo, da solo, da solo. Cose inverostenibili accadono in tali circostanze. Lì era solo, in strada, di fronte all'ingresso della caserma... Alla fine sono stato soccorso da un'auto. Non so come o perché, una macchina mi viene in direzione, arriva dove sono, e mi salva.

Ho sempre voluto parlare con quell'uomo per scoprire come è entrato nell'inferno della sparatoria che c'era. Ma come in molte altre cose, pensi di avere cento anni per farlo... E quell'uomo è morto più di dieci anni fa. Il suo nome era Santana.

Rinunciare non è un'opzione per il leader

Già nel veicolo, autore materiale del piano per rovesciare la dittatura batista, pensa di prendere "El Caney", una caserma relativamente piccola,ma in qualche modo voleva sostenere i compagni che a quel tempo stavano prendendo il bayamo creando una situazione di combattimento a Santiago de Cuba. E quindi passare alla guerra irregolare sulla montagna, come avevano pianificato nel caso in cui non potessero eseguire il piano iniziale per occupare le armi del campo e chiedere lo sciopero generale di tutta la gente.

"La mia preoccupazione immediata quando l'auto viene a salvarmi è stato come sostenere la forza che ha attaccato la caserma di Bayamo (...) Non sapevo cosa stava succedendo a Bayamo. Presumo che abbiano preso quella caserma. Ed è stato per me in quel momento la preoccupazione principale.

Trasmetti la nuova istruzione a coloro che sono sul viale. Sono solo tre o quattro auto, delle 16 con cui è iniziata l'azione. Anche gli uomini furono decimati, circa 20, inizialmente su 120. Un'auto di fronte non sa dove si trova quella caserma e fa la direzione sbagliata. Del gruppo che esce con Fidel, nessun altro è visto da nessuna parte.

Hanno subito un duro colpo ed è difficile rimetterli in azione. Ritornano alla Granjita Siboney per riorganizzarsi. Diverse auto sono tornate e lì il Comandante è, secondo lui, "tutto: quelli che tenevano armi, persone che non potevano, persone ferite, persone che non potevano camminare ... Una situazione di demoralizzazione totale.

"Abbiamoaffrontato le battute d'arresto del 26 luglio, all'istante, al secondo, abbiamo pensato solo di ricominciare,abbiamo pensato solo al tempo per tornare al combattimento; abbiamo solo pensato, quando abbiamo sentito la notizia scioccante degli omicidi commessi, che sarebbe dovuto venire il giorno in cui avremmo saldato i conti con loro.

Il triste e felice di Moncada

Parlando degli eventi del 26 luglio, in diverse occasioni Fidel ribadisce che si trattava di un buon piano, e riflette: "Quelli di Abel prendono l'edificio che avrebbero dovuto occupare (l'ospedale sul retro della caserma), il gruppo in cui Raul va ha già preso anche il Palazzo di Giustizia (...) L'essenziale era stato raggiunto, che era la sorpresa totale, fino allo scontro imprevedibile e casuale con il post cosacco, e ci si lamenta molto di non sapere cosa sarebbe successo ..."

La dannata possibilità di inciampare su quei soldati che camminavano nelle vicinanze della caserma, apparentemente come misura preventiva in occasione dei carnevali, pose fine al sogno di quello stesso giorno di rovesciare la tirannia e, purtroppo, tolse la vita a molti rivoluzionari.

"Quel pomeriggio, quando tutto era amarezza e dolore, quando sul nostro spirito pesava il dolore dei compagni che erano morti e il dolore della sconfitta che costrinse la Patria ad aspettare, i cuilimiti erano impossibili."

Forse come in nessun altro scritto, in "La Historia me Absolverá", troviamo i sentimenti e le analisi più profonde di Fidel riguardo agli eventi di Moncada.

"A coloro che mi chiamano per questo sognatore, dico come Marti: 'L'uomo vero non guarda da che parte vivi meglio, ma da che parte è il dovere' (...) Ispirato solo da scopi così alti, è possibile concepire l'eroismo di coloro che caddero a Santiago de Cuba.

"Ci vuole una grandissimo fede nella loro patria per procedere in questo modo, equesti ricordi di idealismo mi portano direttamente al capitolo più amaro di questa difesa: il prezzo che la tirannia li ha fatti pagare per voler liberare Cuba dall'oppressione e dall'ingiustizia."

"Moltiplica per dieci il crimine del 27 novembre 1871 e avrai i crimini mostruosi e ripugnanti di 26,27,28 e 29 luglio 1953 in Oriente ... Ma non voglio che la rabbia mi acceca, perché ho bisogno di tutta la chiarezza della mia mente e la serenità del cuore in frantumi per esporre i fatti come sono accaduti.

"Per i miei compagni morti non grido vendetta. Poiché le loro vite non avevano prezzo, non sarebbero stati in grado di permettersele con i loro tutti i criminali insieme. Non è con il sangue che si può pagare la vita dei giovani che muoiono per il bene di un popolo; la felicità di quelle persone è l'unico prezzo decente che può essere pagato per loro.

"I miei compagni, inoltre, non sono né dimenticati né morti; vivono oggi più che mai e i loro matador devono guardare nel terrore mentre lo spettro vittorioso delle loro idee emerge dai loro eroici cadaveri. Che l'Apostolo parli per me:"C'è un limite al pianto sulle tombe dei morti, ed è l'amore infinitodel Paese e la gloria che giura sui loro corpi, e che non è mai temuto o disossato; per i corpi dei martiri sono l'altare d'onore più bello.

Quando studiamo la storia dell'autodifesa di Moncada e Fidel,comprendiamo il suo sentimento: "Il nome 26 luglio deve pesare molto profondamente nel cuore di ciascuno di noi". Abbiamo intravisto perché la lotta continuò e il destino della nazione fu gettato dietro di loro. Comprendiamo che Moncada ha aperto la strada alla successiva unione e mobilitazione del popolo verso la vittoria. Affermiamo che non può essere un altro giorno della nostra Ribellione Nazionale.

"Oggi, anche se è vero che siamo rattristati da un lato dalla memoria di coloro che sono caduti; se è vero che non è possibile visitare questa città e non evocare il nome di tanti cari compagni scomparsi, è anche vero che c'è nei loro parenti, come nei loro compagni come in tutta la città, la soddisfazione diaver combattuto per qualcosa di utile, di essere stati come il seme che ha fruttato quest'opera, che grazie a loro il popolo è felice; grazie a loro i bambini sono felici, e quindi, vincendo questa battaglia oggi, questa battaglia senza morti, questa battaglia senza cadaveri e senza feriti, questa bella battaglia, questa presa della Caserma Moncada senza sangue, oggi dobbiamo sentirci davvero emozionati e dobbiamo sentirci veramente felici. Oggi James è felice; oggi tutta Cuba è felice; oggi i nostri morti sono contenti; oggi è un giorno felice della Patria".

FONTE: portalcuba.cu

 

LEGGI ANCHE:

«Solidarietà con Cuba e la sua rivoluzione»

Cuba: per la democrazia, per la libertà

Cuba, Minà: «Dobbiamo aiutarli, per aiutarci a restare umani.»