Elezione al CSM: la parola a Pietro Adami

SPECIALE REFERENDUM. Insieme all’avvocato del Comitato per il NO abbiamo provato a spiegare le ragioni del NO al referendum relativo alle modalità di presentazione dei candidati per l’elezione al Consiglio Superiore della Magistratura.

I promotori del quesito referendario, chiedono di eliminare la lista dei magistrati presentatori che, attualmente, deve accompagnare la candidatura, una lista non inferiore a venticinque e non superiore a cinquanta nominativi.
Secondo i fautori del SI questo potrebbe limitare l’influenza delle correnti nella elezione dei membri del CSM.

I sostenitori del NO sostengono, al contrario, che il quesito è inutile ed assolutamente ininfluente.
Ricordiamo che i referendum sulla giustizia sono promossi dalla Lega e dai Radicali; si voterà il 12 giugno.

 

LEGGI ANCHE:

- La PRIMA parte: LA CUSTODIA CAUTELARE: la parola a Domenico Gallo

- La SECONDA parte: La legge Severino: la parola a Mauro Volpi

- La TERZA parte: Separazione delle carriere: la parola ad Armando Spataro