Il CONI premia il condannato Roberto Mandolini

Incredibile ciò che è accaduto nella sala del CONI: il maresciallo Roberto Mandolini, già condannato da tre corti d’assise in via definitiva per i fatti che hanno visto la morte di Stefano Cucchi, è stato premiato ad insaputa (sembrerebbe) di tutti.

Il CONI premia il condannato Roberto Mandolini

Roberto Mandolini è stato condannato e il CONI gli ha assegnato un premio. Sembra assurdo ma è così che in Italia vanno le cose.

La sorella di Stefano Cucchi Ilaria su Facebook si sfoga contro Malagò e, successivamente, sono arrivate le scuse da parte di tutte le parti in causa, che dicono di non sapere che quel signore (Mandolini) sia un condannato per l’omicidio di Stefano Cucchi.

Ma come possono invitare una persona condannata pochi giorni fa e già nota per essere stato anche uno spavaldo che si sentiva intoccabile all’interno delle mura dell’Arma e che probabilmente lo sarebbe stato senza la caparbietà di Ilaria Cucchi e delle denunce di Casamassima, Rosati e Tedesco che ne hanno certificato la condotta criminale?

Eppure nessuno sapeva e adesso tutti chiedono scusa alla famiglia Cucchi.

"Nè io, nè il presidente Malagò avevamo idea di chi fosse la persona premiata, si è trattato di un errore della nostra sezione romana. Ho chiamato personalmente Ilaria Cucchi con cui mi sono scusata e a cui ho spiegato tutto. E' stata gentilissima ed ha capito come sono andate le cose". Queste le parole pronunciate dalla presidente dell'Unione nazionale veterani dello Sport, Francesca Bardelli. 

(ANSA)