La democrazia parlamentare è finita

L'OPINIONE DELL'AVV. GUARNERA. « I miasmi provenienti dal lurido acquitrinio della politica sono diventati per me insopportabili. Per qualche giorno mi occuperò d'altro.»

La democrazia parlamentare è finita

Nel 2005 venne approvata, dal centrodestra, la legge elettorale definita"Porcellum", una porcata, dal suo stesso proponente, il leghista Calderoli. Nel 2017 venne sostituita dal "Rosatellum", proposta dal "democratico" Rosato.

Nella sostanza sono entrambe una porcata. Vengono abolite le preferenze e si vota solo il partito su liste bloccate. Il PD nel 2005 promise che, una volta andato al governo, avrebbe abolito il "Porcellum" ripristinando le preferenze. Non lo fece, e lo sostituì con il "Rosatellum". Basterebbe questo per non votarlo.

In realtà conviene a tutti sottrarre ai cittadini la scelta dei candidati da eleggere. Li scelgono i segretari dei partiti e il loro "cerchio magico". E vengono scelti tra i portaborse, gli obbedienti esecutori di ordini, i cortigiani, i nullafacenti, quelli senza identità e spina dorsale. Di fatto abbiamo avuto ed avremo un Parlamento composto, prevalentemente, da servi della gleba provenienti dalla "suburra" della politica.

La democrazia parlamentare è finita, comandano pochi autocrati narcisisti. Considerazioni amare, ma vere. Per qualche giorno mi asterrò dall' intervenire su questi temi. I miasmi provenienti dal lurido acquitrinio della politica sono diventati per me insopportabili. Per qualche giorno mi occuperò d'altro.

Devo disintossicarmi!.