La festa della speranza: Angelo Vassallo

La morte non ferma il grande sogno di Angelo Vassallo ed ecco perché si chiama la Festa della Speranza: per non dimenticare, per avere giustizia, per portare avanti quella grande onda umana e politica che lui ha saputo far crescere.

La festa della speranza: Angelo Vassallo

Si terrà al Porto di Acciaroli, il 5 settembre, la Festa della Speranza.

Sono trascorsi 11 anni dalla morte di Angelo Vassallo, il sindaco ucciso in una serata di settembre. Mandanti ed esecutori di quell'omicidio sono ancora in libertà. Angelo Vassallo dopo tanti anni è più vivo che mai. La morte ha strappato alle persone che lo amano il suo corpo, ma non la sua anima e ancor meno il suo meraviglioso esempio.

Un bravo amministratore, un cittadino esemplare, un politico allo stesso tempo sognatore e pragmatico. Scrive la Fondazione Angelo Vassallo: “Un’iniziativa contro l'oblio che, dopo la Santa Messa e i saluti del sindaco Stefano Pisani, ospiterà il Premio speciale Angelo Vassallo Sindaco pescatore” 

Per la sua terra, nel Cilento, il sindaco Pescatore ha fatto tantissimo: ha riportato bellezza e ricchezza, ha applicato le regole e ha fatto rispettare la legge; ha ripulito il suo bellissimo mare e, cosa più importante, ha ridestato i cittadini. Per questo è stato ammazzato Angelo Vassallo, perché là dove governano camorristi e collusi, la politica intesa come buona gestione della cosa pubblica è fumo negli occhi.

Anche se la verità giudiziaria sull’omicidio non c’è ancora, tutto è molto evidente e negli ultimi mesi le indagini stanno vivendo un nuovo impulso, con la Commissione antimafia nazionale direttamente impegnata sul caso. La morte non ferma il grande sogno di Angelo Vassallo ed ecco perché si chiama la Festa della Speranza: per non dimenticare, per avere giustizia, per portare avanti quella grande onda umana e politica che lui ha saputo far crescere.

Molti cittadini e amministratori si ritroveranno a Pollica per parlare del sindaco, dell’uomo e di un progetto socio-politico che dovrebbe essere maggiormente applicato a livello nazionale. La politica sana che si pone al servizio dei cittadini e del bene pubblico. Ci si augura che almeno questa volta parteciperanno anche tanti cittadini del posto. In questi lunghi 11 anni sono rimasti colpevolmente silenti e nell'ombra. Lo dovrebbero fare per il loro sindaco, il loro territorio, per il paese intero che si salverà solamente cancellando per sempre mafie e omertà.

L’evento sarà preceduto da due giorni di scuola politica. Organizzata dalla Fondazione, la Scuola per Giovani Amministratori Angelo Vassallo sarà aperta a 15 partecipanti provenienti da tutto il paese, ragazzi e ragazze che un giorno potrebbero far parte della futura classe dirigente. La formazione prima di ogni cosa, quella che manca a molti amministratori e politici, locali e nazionali, affascinati da una dimensione che mette al primo posto l'arrivismo e il potere personale. Altra cosa è la Bella politica, quella sognata da Angelo Vassallo e che, nel poco tempo che gli è stato concesso, ha cercato di realizzare con tutto sè stesso.

 

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata

 

 

LEGGI ANCHE:

IL MODELLO ANGELO VASSALLO PER I NUOVI AMMINISTRATORI

Omicidio Vassallo: una ferita ancora aperta

La Commissione nazionale antimafia nella terra di Angelo Vassallo

Lettera al segretario Pd: «basta silenzio sull'omicidio Vassallo»

Vassallo: parla chi lo ha conosciuto

 

- OMICIDIO VASSALLO, audizione della Fondazione Vassallo presso la commissione Antimafia

- IL CASO VASSALLO IRROMPE IN COMMISSIONE ANTIMAFIA

CASO VASSALLO. Intervista al sindaco di Agropoli Adamo Coppola

CASO VASSALLO. Il fango gettato dal sindaco di Agropoli

 

«Quando hanno deciso di uccidere Vassallo, hanno avuto la garanzia di poterlo fare»

Vassallo: «Lo Stato si riappropri dei suoi spazi»

 

«Ci sono uomini dello Stato che hanno tradito lo Stato»

Angelo Vassallo: quando un sogno non muore mai

Omicidio Vassallo. Il fratello Dario: «Angelo è stato ammazzato dallo Stato»

Intervista a Massimo Vassallo, fratello del Sindaco Angelo