L'amica geniale, storia del nuovo successo

Costituita da ben otto episodi, ancora una volta alla macchina da presa Saverio Costanzo dirige un cast di grande spessore con in testa Margherita Mazzucco (Elena) e Gaia Girace (Lila). Insieme a lui, firmano la scrittura Francesco Piccolo, Laura Paolucci e la stessa Ferrante, autrice della tetralogia che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo.

L'amica geniale, storia del nuovo successo

Dopo lo straordinario successo della prima stagione, è iniziato il secondo capitolo della storia di Elena e Lila, le due inseparabili amiche protagoniste dei romanzi di Elena Ferrante. "L'amica geniale. Storia del nuovo cognome" è su Rai1 dal 10 febbraio per quattro prime serate. Questa sera la seconda puntata.

Costituita da ben otto episodi, ancora una volta alla macchina da presa Saverio Costanzo dirige un cast di grande spessore con in testa Margherita Mazzucco, nel ruolo di Elena e Gaia Girace, nel ruolo di Lila. Insieme a lui, firmano la scrittura Francesco Piccolo, Laura Paolucci e la stessa Ferrante, autrice della tetralogia che ha venduto milioni di copie in tutto il mondo. In questa nuova stagione la regia del quarto e quinto episodio è affidata ad Alice Rohrwacher.

Le due giovani donne hanno ormai sedici anni: la prima è una studentessa modello ed è sempre più insofferente dell’ambiente in cui è cresciuta mentre Lila si è appena sposata, ma l’aver assunto il cognome del marito, Carracci, le dà l’impressione di essersi smarrita. Il matrimonio non va bene, Stefano si rivela un violento: Lila viene infatti picchiata dal marito già durante il viaggio di nozze. Questa fiction racconta non solo la storia di una grande amicizia tra due donne che dall'infanzia, si ritrovano velocemente all'età adulta ma anche di un intero Paese, attraversando vari decenni, fotografando gli ideali e le aspirazioni dei personaggi e delle diverse generazioni.

Tra gli attori del cast della stagione di otto episodi che riparte dal rione 'Luzzatti' di Gianturco, nella periferia est di Napoli, che negli anni Sessanta sta attraversando come tutta l'Italia importanti cambiamenti sociali che porteranno benessere ma non solo, ci sono anche Elisa Del Genio, Elisabetta de Palo, Ludovica Nasti, Gaia Girace, Tommaso Rusciano, Gennaro De Stefano, Kristijan Di Giacomo e Giovanni Amura.