L'appello: «La candidatura di Berlusconi? Offesa alla Costituzione»

BOCCIATURA. È rivolto ai grandi elettori che tra pochi giorni si pronunceranno per eleggere il nuovo Presidente della Repubblica, quello sottoscritto da nomi autorevoli del mondo del diritto, del mondo accademico e della cultura.

L'appello: «La candidatura di Berlusconi? Offesa alla Costituzione»

Promosso dalla Fondazione Basso, nel breve testo vengono richiamati alcuni passaggi della Costituzione per i quali la candidatura di Silvio Berlusconi appare assolutamente inopportuna. Una ipotesi che offende la dignità del paese e di milioni di cittadini italiani.

 

Tra i firmatari citiamo: Valerio Onida, Gustavo Zagrebelsky, Gaetano Silvestri, Paolo Caretti, Lorenza Carlassare, Mario Dogliani, Riccardo Guastini, Francesco Pallante, Roberto Romboli, Massimo Villone, Gaetano Azzariti,Mauro Volpi, Vladimiro Zagrebelsky, Roberto Zaccaria, Marco Revelli, Nadia Urbinati,Dacia Maraini, Carlo Ginzburg.

 

Questo il testo:

"Il Presidente della Repubblica deve essere espressione dell’«unità nazionale», come richiede l’articolo 87, 1° comma della Costituzione. È garante di questa Costituzione e deve assicurare fedeltà ad essa come impone l’articolo 91.

L’ufficio di Presidente della Repubblica è incompatibile con qualsiasi altra carica, come è preteso dall’articolo 84, 2° comma. Egli presiede il Consiglio Superiore della Magistratura a garanzia dell’autonomia e indipendenza dell’ordine della magistratura da qualsiasi altro potere, come è scritto negli articoli 87 e 104.

Silvio Berlusconi, protagonista di uno scontro che per lunghi anni ha diviso il nostro Paese, già esponente della loggia P2 che aveva come fine l’instaurazione in Italia di un’altra Repubblica, titolare tuttora di un vistoso conflitto di interessi, condannato per gravi reati, prosciolto per prescrizione da delitti di corruzione e tuttora imputato in procedimenti penali, non ha i requisiti per poter svolgere le funzioni di Capo dello Stato.

Riteniamo pertanto un’offesa alla dignità della Repubblica e di milioni di cittadini italiani il fatto che venga candidato a Presidente della Repubblica."

Ne abbiamo parlato con il professore Gaetano Azzariti, docente di diritto costituzionale alla Sapienza di Roma.

ECCO IL VIDEO: 

LEGGI ANCHE:

- B. al Quirinale? L'On. Napoli: «La destra italiana ha perso i suoi valori»

Quirinale, i conti dei servi

- LA REPUBBLICA DELLE STRAGI

- LA CILIEGINA SULLA TORTA

- Il berlusconismo è la più grande catastrofe culturale del nostro tempo

 

- Un Paese che ha bisogno di riscattarsi dal berlusconismo

Elezione Presidente della Repubblica: «Non credo che la massoneria resti a guardare» 


 

 

Antoci: «Questo Paese non può permettersi B. come Presidente della Repubblica»

 

Un gioco semiserio di fantapolitica

Il 2021 della Giustizia: un anno al passato

Lettera aperta a Silvio Berlusconi

LETTERA APERTA A GIORGIA MELONI

 

Lui no, Berlusconi non può diventare Presidente della Repubblica

 

L'INCUBO POTREBBE DIVENTARE REALTÀ

BERLUSCONI AL QUIRINALE?

La Fininvest di Silvio Berlusconi ha pagato Cosa Nostra ed è stata in rapporti con la mafia

 

- BACIAMO LE MANI/1^ parte

IL PAESE SENZA MEMORIA e SENZA VERGOGNA. Il Caimano torna di moda. Nel Paese orribilmente sporco arrivano proposte scellerate da parte di personaggi scellerati: non vedevano l’ora di riabilitare l’ex Cavaliere di Arcore. Una rovina per questo Paese, altro che statista. Quando ci libereremo politicamente di questi personaggi? Quando potremo chiudere una parentesi trentennale vergognosa? È un Paese alla rovescia: gli onesti diventano delinquenti e i delinquenti continuano a passare per martiri.