CORONAVIRUS NEL MONDO

CORONAVIRUS NEL MONDO

Gli USA passano al primo posto per il numero dei decessi e dei contagi superando anche l’Italia. Trump ha cosi annunciato in un tweet la sospensione dell’immigrazione negli States, nello stesso tempo parla anche di rinascita dell’America e di priorità per il lavoro dei cittadini Americani. Per difendere gli Stati Uniti dal contagio del Covid-19 , firmerà un ordine esecutivo per sospendere temporaneamente l’immigrazione.

Il presidente americano ha dichiarato di non lasciare la Casa Bianca da mesi per lavorare alla salvezza di molte vite umane. Di tutt’altra opinione è stata la dichiarazione di Joe Biden, ex vicepresidente degli Stati Uniti, in corsa per la Casa Bianca nel 2020, che dichiara che Donald Trump ha fallito nella lotta contro la pandemia e che l’America ne sta pagando dure conseguenze, saltando al primo posto nel mondo per i casi di contagi e decessi. Ha inoltre dichiarato che oltre 22 milioni di americani hanno già chiesto il sussidio di disoccupazione.

Intanto in Texas e nel Vermont riaprono alcune delle attività chiuse a causa della pandemia ed in Florida centinaia di persone si riversano sulle spiagge senza indossare le mascherine. Nella Carolina del Sud sono state riaperti i grandi magazzini e i negozi al dettaglio a patto che si rispettino le linee guida sul distanziamento sociale.

Anche dal resto del mondo arrivano degli aggiornamenti non sempre rincuoranti, In Ecuador si è superata la quota di 1000 morti e 9000 contagiati, in Libia salgono a 49, in Tunisia 37 e più di 800 contagiati, mentre in Zimbabwe si registrano 25 contagi e 19 morti. Prosegue anche qui il lockdown ma non per le miniere di Oro, platino e diamanti che “non possono essere fermate”, ha dichiarato l’attuale presidente Emerson Mnangagwa.

Sospeso anche l’Oktoberfest in Germania, il presidente Markus Söder ha annunciato che quest’anno la festa non si terrà, anche se ci saranno gravi perdite. In Russia salgono a 52.723 contagiati ed il Portogallo superano i 20.000, mentre in Francia sale la preoccupazione per il rinvenimento di tracce del virus nell’acqua non potabile di Parigi. Il comune ha immediatamente sospeso l’uso della rete idrica per precauzione ed ha dichiarato che non c’è alcun pericolo per la rete idrica potabile.

“Ora serve prudenza, la pandemia è ancora in corso”, questa la dichiarazione della commissaria Ue alla salute Stella Kyriakides. Le misure di contenimento hanno rallentato la diffusione del virus ma serve prudenza, rischiamo un nuovo aumento di contagi. Ma in alcuni Stati non risultano casi di contagio, tra questi troviamo le Isole Marshall, la Micronesia, Palau e Tonga

160.000 morti nel mondo è la conferma data dl bollettino della Hopkins University a fronte di un totale di 2.330.259 casi confermati di contagio, per le persone guarite invece la stima è di 598.228.