Pane e amore per la tradizione

Massimiliano Zara fa il fornaio da 35 anni: siamo andati a trovarlo e ci racconta, con l’entusiasmo di chi ha appena iniziato un’avventura, l’amore per il proprio lavoro.

Pane e amore per la tradizione

All’età di otto anni si è costruito un forno in pietra e terra e con la mamma ha cotto la sua prima focaccia. Ma quella passione non lo ha più abbandonato.

Massimiliano Zara fa il fornaio da 35 anni: siamo andati a trovarlo e ci racconta, con l’entusiasmo di chi ha appena iniziato un’avventura, l’amore per il proprio lavoro.

Il Forno lavora da circa 30 anni: un forno a legna costruito 75 anni fa produce quotidianamente un pane straordinario fatto con materie prime di qualità, perché - ci dice Massimiliano - il trucco sta proprio nell’eccellenza dei prodotti utilizzati. Sono tante le farine utilizzate, anche integrali, fatte con grani antichi macinati sul posto.

C’è il pane semplice cotto a legna, quello alle olive e quello fatto con i prodotti fermentati per fare la birra. 

Una vasta scelta di dolci accoglie i clienti riempiendo gli occhi di gioia alla sola visione; poi l’assaggio che non delude le altissime aspettative! Una passione trasmessa con successo anche ai giovanissimi figli, Thomas e Noemi: lui specializzato nella pizza e lei nella pasta fatta a mano, altro prodotto di eccellenza del forno Prospero.

Da alcuni giorni, passando in via Gabelletta a Terni, si nota una fila interminabile di persone in attesa di acquistare i prodotti di Massimiliano. Un boom inaspettato dopo la trasmissione in Rai Geo&Geo che ha fatto scoprire al grande pubblico l’attività ternana. Tantissimi i nuovi clienti locali e molti da fuori città, “ha rinfrescato la memoria di tanti clienti” dice il titolare.

Un profumo di pane avvolge chi entra in negozio: in pochi secondi si è catapultati in un tempo lontano, fatto di cose semplici, di prodotti genuini, di valori preziosi che è sempre emozionante riscoprire. Massimiliano Zara parla anche della fatica, dei sacrifici, di una vita al contrario come quella di chi lavora la notte per 365 giorni all'anno.

Dice ancora questo fornaio innamorato del proprio lavoro: “Il pane è prezioso, è di tutti, arriva sulla tavola delle famiglie e lo mangiano tutti, bambini e adulti”. La competenza, l’esperienza e una passione mai sopita muovono le mani di un artigiano che ci ha fatto vivere, nella sua bottega, un’esperienza piena di dolcezza e di serenità.