Peppino è vivo

Oggi lo ricordiamo per la sua intransigenza, per la sua passione, per i suoi valori, per il suo impegno. Ma, soprattutto, per la sua azione quotidiana: attraverso il giornalismo, la radio, le mostre fotografiche, le contestazioni. È stato un faro in quegli anni, dove nemmeno si nominava la parola “mafia”. E lui aveva il coraggio di sfotterli, utilizzando l’ironia. Di urlare, giustamente, che la mafia (come tutte le mafie) è una valanga di merda.

Peppino è vivo
Peppino Impastato (peppinoimpastato.com)

Nella notte tra l’8 e il 9 maggio del 1978 a Cinisi, in provincia di Palermo, un giovane viene ammazzato. Si chiama Peppino Impastato. Oggi tutti conoscono la storia del compagno Peppino. Un “rivoluzionario”, un uomo senza paura. Figlio di mafioso, “legato” – per i suoi rapporti familiari – al mondo criminale. Frequenta suo zio, Cesare Manzella, il boss del posto. Si trova a contatto con Luciano Leggio e Tano Badalamenti, pezzi (di merda) da novanta. Il primo continuerà la carriera criminale con i sanguinari assassini corleonesi, l’altro verrà “posato” da Riina e company. Entrambi arriveranno all’apice dell’organizzazione criminale, nella famosa triade. Insieme a un certo BontadeTutti criminali, tutti mafiosi, tutti schifosi.

 

Peppino Impastato non entrerà in quel mondo. Con gli anni, attraverso la cultura, attraverso la sua mente pensante, comincerà a scagliarsi contro quel mondo criminale. Oggi lo ricordiamo per la sua intransigenza, per la sua passione, per i suoi valori, per il suo impegno. Ma, soprattutto, per la sua azione quotidiana: attraverso il giornalismo, la radio, le mostre fotografiche, le contestazioni. È stato un faro in quegli anni, dove nemmeno si nominava la parola “mafia”. E lui aveva il coraggio di sfotterli, utilizzando l’ironia. Di urlare, giustamente, che la mafia (come tutte le mafie) è una valanga di merda.

 

LEGGI ANCHE:

 

Vitale: “Se non siamo uniti vince la mafia”

Il rivoluzionario contro la borghesia mafiosa e l’ipocrisia delle memorie morte

Impastato: «La mafia è nel cuore dello Stato»

ONDA PAZZA/1 - Scommettiamo

La mafia è una montagna di Merda

ONDA PAZZA/2 - La cretina commedia

La poesia di Peppino Impastato

Ricordiamo il Peppino rivoluzionario e non l'icona mediatica

ONDA PAZZA/3 - Vigilia elettorale

Il pentito Di Carlo parla della morte di Peppino Impastato

L’assassinio di Peppino fu solo mafia?

Gli anni Ottanta sono stati anni di lotta antimafia e impegno politico

Falcone, anche i colleghi tra i principali nemici

Attacco vandalico e squadrista colpisce la memoria di Peppino Impastato

«Nessuno ci vendicherà»

Buon compleanno, Peppino

Peppino IMPASTATO: le inchieste e i processi