Piccole donne al cinema

Piccole donne al cinema

“Piccole donne” è la quarta pellicola basata sul romanzo omonimo della scrittrice statunitense Louisa May Alcott, pubblicato per la prima volta tra il 1868 e il 1869. Dopo l’indimenticabile trasposizione di George Cukor del 1933, con protagonista Katharine Hepburn, e le due versioni del 1949 con Elizabeth Taylor e del 1994 con Winona Ryder e Christian Bale, questo nuovo adattamento è stato affidato alla scrittrice e regista Greta Gerwing, candidata all’Oscar per “Lady Bird” nel 2017. 

Secondo la Gerwig, la tanto amata storia delle sorelle March è al tempo stesso intramontabile e attuale. La storia vede ragazze pronte a intraprendere il loro percorso di vita per raggiungere ciò che desiderano. A rendere più complicata la loro strada, ci sono i soliti problemi dell'età, contornati dal periodo della guerra civile americana. A distinguersi da tutte e quattro, è Jo, alla continua ricerca di indipendenza e libertà. Si tratta di una donna ribelle e insolita che è in contrasto con la figura femminile di quel periodo storico. Decisa e caparbia, vuole diventare una scrittrice, sebbene il periodo in cui vive non sia certamente incline alla donna-scrittrice. Ciò nonostante, la giovane donna non solo non è pronta ad obbedire a ciò che la tradizione le impone (essere una madre che si occupa solo di casa e figli), ma darà manforte alle sorelle per tracciare tutte insieme la strada verso la loro indipendenza. Le quattro protagoniste allora si troveranno a contrastare il sistema sociale, ancora rigido e poco aperto ai cambiamenti. 

Secondo le dichiarazioni della produttrice Robin Swicord, il film si concentrerà maggiormente sull’ingresso nell’età adulta di Meg, Jo e Amy, con diversi flashback sulla loro infanzia a casa March. 

Aspettatevi quindi un film che si sviluppa in maniera più tematica che cronologica. 

Il cast è veramente d’eccezione, con nomi del calibro di Meryl Streep, Laura Dern, Emma Watson, Saoirse Ronan e Timothée Chalamet.