Don Aniello Manganiello

Don Aniello Manganiello

Last seen: 12 months ago

Sacerdote dal 1980. Prima esperienza in Sicilia, a Canicattì, nel mondo della pastorale giovanile. Dopo due anni il trasferimento nel quartiere romano di Prati-Trionfale, con l'incarico di animare e gestire il grande oratorio parrocchiale di san Giuseppe al Trionfale. Dopo undici anni il passaggio in uno dei quartiere più difficili e complicati della città di Napoli, Scampia, per 16 anni. Animando e guidando una delle comunità parrocchiali del quartiere. Una esperienza tosta, con tanti giovani e adulti vogliosi di riscattarsi. Fonda nei primi mesi una associazione sportiva, per portare via, dalla strada, i ragazzi esposti continuamente alle ammalianti sirene della camorra. Uno dei primi gesti forti fu quello di abbattere un muro alto tre metri che circondava il centro don Guanella, rendendolo una piccola fortezza. Bisognava aprirsi al territorio senza paura, consapevole che anche coloro che hanno scelto la strada del crimine e della illegalità possono cambiare. Bisognava dare accoglienza e opportunità. L'associazione sportiva dilettantistica Oratorio don Guanella calcio Scampia fu una delle risposte all'accoglienza e alla possibilità di riscatto. Oggi l'ASD conta 13 squadre e più di trecento iscritti (allenatori, dirigenti, ragazzi). Oltre ad esserne il fondatore è, attualmente, il presidente. In quel contesto il calcio è importante perché diventa canale per veicolare i valori dell'onestà, del rispetto, della lealtà, del sacrificio, dell'autocontrollo, del valore dello studio e della cultura per costruire un futuro diverso da quei modelli negativi. In quei 16 anni, il contrasto alla camorra attraverso il calcio, la solidarietà, l'anticamorra delle opere, le denunce pubbliche, esplicite, attraverso i media, gli hanno procurato non poche minacce di morte da alcuni clan locali. Non è stato facile rimanere in quel quartiere. Ha rifiutato la scorta, «perché un prete con la scorta non può incoraggiare la propria gente ad alzare la testa e a denunciare». Racconta i 16 anni nel libro "Gesù è più forte della camorra", Ed.Rizzoli. Altre due pubblicazioni: "Legalità e Scrittura in cammino verso Santiago", scritto sul Cammino di Santiago e "La meglio gioventù di Scampia", Ed. Imprimatur. Quest'ultimo, scritto in aperta polemica con Roberto Saviano. Nel 2012 ha dato vita a "ULTIMI", associazione per la legalità. Associazione che sta diffondendo sul territorio nazionale, con l'apertura di presidi e referenti regionali. Un lavoro faticoso, finalizzato alla diffusione della legalità.

Member since Mar 13, 2020 aniello@gmail.com

Following (0)

Followers (0)

L'Opinione
L'uomo è un essere limitato

L'uomo è un essere limitato

L'uomo non è onnipotente, non è infallibile come tanti pensano di essere. Il limite...