QUANDO ESSERE AGLI ANTIPODI TI DA GIOIA

L'OPINIONE DELL'AVV. GUARNERA. «Salvatore Cuffaro e Raffaele Lombardo sono stati entrambi Presidenti della Regione Siciliana. Li ho conosciuti 32 anni fa.»

QUANDO ESSERE AGLI ANTIPODI TI DA GIOIA

Per un certo tempo abbiamo condiviso l'appartenenza al Parlamento della Sicilia e li ho frequentati. Hanno avuto disavventure giudiziarie: Cuffaro, condannato a 7 anni di reclusione, ha scontato interamente la pena; Lombardo, due giorni fa, è stato assolto. 
Destini per alcuni versi paralleli.

Rispetto sempre le sentenze dei Giudici, qualunque esse siano. Semmai attendo di leggerne le motivazioni per poterle valutare.
Ma non è di questo che intendo parlare. Vorrei riflettere di valori e di politica. In teoria tutti e tre affermiamo di avere radici e valori cristiani. Ma credo che ciascuno li abbia vissuti in modo diverso. So bene come Cuffaro e Lombardo hanno fatto attività politica. Quale tipo di rapporto hanno instaurato con la Sicilia e i suoi abitanti. Quale concezione hanno avuto, e presumo abbiano ancora, dell'esercizio del potere.

Entrambi hanno dichiarato che, con modalità magari diverse, continueranno l'impegno politico. Per quanto mi riguarda non è una buona notizia.
Per me la politica è solo servizio; è rifiuto di ogni compromesso sui valori e sui principi; è contrasto assoluto ad ogni forma di illegalità; è rinuncia ad elargire favori, raccomandazioni, privilegi che alimentino le disuguaglianze.

È mantenere sempre la schiena dritta: "frangar, non flectar!", si dice in latino, anche a costo di fare rinunce importanti. Le camarille e gli accordi sottobanco non fanno parte del mio DNA. Infine, e lo dico con grande soddisfazione personale: non sono stato e non sarà mai sul mercato

Chiudo con una riflessione poco allegra, ma che reputo realistica.
Quando, un giorno lontano, si celebreranno le esequie funebri per Cuffaro, Lombardo e me, immagino scene diverse. Quelle dei primi due saranno affollate: parenti e amici sinceramente addolorati, ma molti "clientes" riconoscenti per qualche cosa.
Le mie saranno scarne, essenziali: vi saranno solo quanti mi avranno voluto bene per quello che ero, per i miei valori, per le mie scelte.

Pensarlo è una grande soddisfazione.
Come ho scritto nel titolo: QUANDO ESSERE AGLI ANTIPODI TI DA GIOIA!