Referendum bocciati: una sentenza politica?

LA NOSTRA VIDEO-INTERVISTA. L’ennesima scelta che allontana i cittadini alla politica e lascia senza risposte tantissime persone costrette alla sofferenza, fisica e mentale, da malattie irreversibili.

Sono state pubblicate dalla Corte Costituzionale le motivazioni di inammissibilità dei referendum relativi all’abrogazione parziale del reato di omicidio del conseziente, alla cannabis e alla responsabilità diretta dei magistrati.

Abbiamo approfondito la questione su quello relativo all’eutanasia legale insieme a Maria Sole Giardini, fondatrice della cellula ternana della associazione Luca Coscioni; all’avvocato Rocco Berardo, promotore del referendum sull’eutanasia e coordinatore per l’associazione delle iniziative sulla disabilità; con il professor Mauro Volpi, costituzionalista.

Una “sentenza politica" dicono i promotori; l’ennesima scelta che allontana i cittadini alla politica e lascia senza risposte tantissime persone costrette alla sofferenza, fisica e mentale, da malattie irreversibili.

 

LEGGI ANCHE:

REFERENDUM, parla Manconi: «Dobbiamo sottostare ad un giudizio dello Stato»