SCENARIO INQUIETANTE E OSCENO

L'OPINIONE DELL'AVV. GUARNERA. «Prepariamoci a festeggiare il Natale al caldo delle nostre case, soggiogati dal consumismo, raggomitolati nel nostro privato! Fuori vi è una umanità che soffre, e di questo anche noi dobbiamo farci carico.»

SCENARIO INQUIETANTE E OSCENO
Foto di Matthias Fischer da Pixabay

Tranne sorprese dell'ultima ora credo sia chiaro che Mattarella a gennaio andrà in pensione. Gli esseri umani piccoli piccoli, che popolano la scena politica, hanno cominciato la recita delle dichiarazioni
Inutile starvi dietro, sono schermaglie di basso profilo.
Un dato mi appare chiaro: Berlusconi si sente ed è ancora in campo. Lui ci crede, forse meno coloro che gli fanno credere di sostenerlo. Almeno me lo auguro, per il bene e la dignità del nostro Paese.

Ma il fatto veramente grave e inquietante è un altro. Mentre i nani politici sono sempre più lontani dalla realtà, accade che Birka e Chris, bambini bulgari di 2 e 4 anni, muoiano uccisi dal fuoco acceso per scaldarsi mentre dormivano. Vivevano in una baracca di legno, priva di acqua, luce e gas, in provincia di Foggia.
Per scaldarsi solo la legna da bruciare in un bidone.

Il padre, 27 anni, era nei campi a lavorare; la madre, 20 anni, si era momentaneamente assentata per recarsi in un bagno fatiscente posto poco lontano. Una improvvisa fiammata e il fuoco divora tutto. La madre accorre e assiste, impotente e disperata. 
Ometto le ovvie e scontate considerazioni. 
Dico solo che di bambini come Birka e Chris ve ne sono milioni, in Italia e nel mondo. Deprivati di tutto, a partire dai diritti fondamentali.

Una classe politica che non metta al primo posto dell'agenda i problemi degli ultimi e dei poveri, è indegna ed oscena. Una opinione pubblica che rimane distratta e indifferente dinnanzi a simili notizie, lo è altrettanto.
Si, cari concittadini, prepariamoci a festeggiare il Natale al caldo delle nostre case, soggiogati dal consumismo, raggomitolati nel nostro privato! Fuori vi è una umanità che soffre, e di questo anche noi dobbiamo farci carico. Come? 
Intanto cambiando stile di vita: niente sprechi e più sobrietà.

Poi interessandoci della "res pubblica", a partire dalle nostre città. Per contribuire alla costruzione di una politica diversa, all'insegna di una eguaglianza e giustizia sociale serie e concrete.

Sulla lapide di chi non opera in tale direzione andrebbe scritta la seguente, semplice frase:
HA VISSUTO INVANO!