Profezia

SPECIALE PIER PAOLO PASOLINI. IL MASSACRO DI UN POETA. Quarta parte. Bologna, 5 marzo 1922 - Idroscalo di Ostia (massacro), 2 novembre 1975. Continua il nostro lungo "viaggio" per ricordare il poeta MASSACRATO (in vita e in morte) dal potere costituito. Lo faremo attraverso i suoi scritti e le sue profezie. Resta ancora una domanda che gravita intorno alla sua morte: chi ha ucciso Pasolini?

Profezia
Foto di Gerd Altmann da Pixabay

A Jean Paul Sartre, che mi ha raccontato
la storia di Alì dagli Occhi Azzurri.

                                 

Alì dagli Occhi Azzurri
                                  uno dei tanti figli di figli,
                                  scenderà da Algeri, su navi
                                  a vela e a remi. Saranno
                                  con lui migliaia di uomini
                                  coi corpicini e gli occhi
                                  di poveri cani dei padri
sulle barche varate nei Regni della Fame. Porteranno con sé i bambini,
e il pane e il formaggio, nelle carte gialle del Lunedì di Pasqua.
Porteranno le nonne e gli asini, sulle triremi rubate ai porti coloniali.
                                  Sbarcheranno a Crotone o a Palmi,
                                  a milioni, vestiti di stracci,
                                  asiatici, e di camice americane.
                                  Subito i Calabresi diranno,
                                  come malandrini a malandrini:
                                 "Ecco i vecchi fratelli,
                                  coi figli e il pane e formaggio!"
                                  Da Crotone o Palmi saliranno
                                  a Napoli, e da lì a Barcellona,
                                  a Salonicco e a Marsiglia,
                                  nelle Città della Malavita.
                                  Anime e angeli, topi e pidocchi,
                                  col germe della Storia Antica,
                                  voleranno davanti alle willaye.

Essi sempre umili
                                  Essi sempre deboli
                                  essi sempre timidi
                                  essi sempre infimi
                                  essi sempre colpevoli
                                  essi sempre sudditi
                                  essi sempre piccoli,
essi che non vollero mai sapere, essi che ebbero occhi solo per implorare,
essi che vissero come assassini sotto terra, essi che vissero come banditi
in fondo al mare, essi che vissero come pazzi in mezzo al cielo,
                                 essi che si costruirono
                                 leggi fuori dalla legge,
                                 essi che si adattarono
                                 a un mondo sotto il mondo
                                 essi che credettero
                                 in un Dio servo di Dio,
                                 essi che cantavano
                                 ai massacri dei re,
                                 essi che ballavano
                                 alle guerre borghesi,
                                 essi che pregavano
                                 alle lotte operaie...


                            ... deponendo l'onestà
                                delle religioni contadine,
                                dimenticando l'onore
                                della malavita,
                                tradendo il candore
                                dei popoli barbari,
                                dietro ai loro Alì
dagli occhi azzurri - usciranno da sotto la terra per uccidere —
usciranno dal fondo del mare per aggredire — scenderanno
dall'alto del cielo per derubare — e prima di giungere a Parigi
                                per insegnare la gioia di vivere,
                                prima di giungere a Londra
                                per insegnare ad essere liberi,
                                prima di giungere a New York,
                                per insegnare come si è fratelli
                                — distruggeranno Roma
                                e sulle sue rovine
                                deporranno il germe
                                della Storia Antica.
                                Poi col Papa e ogni sacramento
                                andranno su come zingari
                                verso nord-ovest
                                con le bandiere rosse
                                di Trotzky al vento...

Pier Paolo Pasolini

 

Leggi anche:

Un intellettuale scomodo

- La realtà

Poesia in forma di rosa

 

 

Cos'è questo golpe? Io so

Supplica a mia madre

Ballata delle madri