Fratoianni (Sinistra Italiana): «L'Europa si è inclinata di fronte alle multinazionali dei farmaci»

DIAMO VOCE. «E’ del tutto evidente che in questo dramma planetario, le regole del mercato in questa condizione sono del tutto incompatibili con la tutela alla vita, alla salute di tutti e tutte. Per questo da mesi sto battendo su questo punto: sospendere la validità dei brevetti, come è stato fatto per i farmaci per l’Aids: abbiamo bisogno di una autonomia produttiva. Ci sono intere aree del mondo nelle quali la campagna vaccinale non è neanche cominciata perchè non se li possono permettere: oltre che profondamente ingiusto non è funzionale sul piano della lotta alla pandemia da un punto di vista sanitario.» 

Il vaccino bene comune: si riuscirà a mettere da parte il profitto per occuparsi della pandemia e permettere così a tutto il mondo di vaccinarsi?

«La disuguaglianza fra poveri e ricchi esplode ancora di più con questa pandemia,il vaccino ne è lo specchio: l'Europa si è inclinata di fronte alle multinazionali dei farmaci.

E’ del tutto evidente che in questo dramma planetario, le regole del mercato in questa condizione sono del tutto incompatibili con la tutela alla vita, alla salute di tutti e tutte. Per questo io da mesi sto battendo su questo punto:sospendere la validità dei brevetti, come è stato fatto per i farmaci per l’Aids: abbiamo bisogno di una autonomia produttiva. Ci sono intere aree del mondo nelle quali la campagna vaccinale non è neanche cominciata perchè non se li possono permettere: oltre che profondamente ingiusto non è funzionale sul piano della lotta alla pandemia da un punto di vista sanitario.» 

Lei è uno dei pochi che non ha votato la fiducia al governo Draghi, perché?

«Per una motivazione molto semplice e che mi sembra scontata: io non posso governare con questo governo e con le destre che lo sostengono. Lo vedremo nella sostanza delle scelte che verranno messe in campo. Ho detto no perché i governi tecnici non sono mai solo tecnici,ma sono sempre governi politici.»

Il campo progressista: se ne parla molto da anni. Secondo lei è possibile creare un unico soggetto politico ripartendo dal Movimento 5 stelle magari con Giuseppe Conte a guidarlo, Pd e sinistra?

«Non credo sia possibile creare un unico soggetto e non servirebbe nemmeno; credo che serva e possa esserci una coalizione, un campo che ricostruisca una proposta politica, un campo plurale che va costruito e io lavoro per questo.

Serve concentrarsi sui contenuti, occorre costruire una convergenza sui temi, un’idea che ricostruisca l’idea della società ripartendo dai programmi.»

 

WORDNEWS.IT © Riproduzione vietata