Gli appalti pubblici in mano alla camorra

LA RECENSIONE. In questo libro, De Chiara utilizza uno stile diretto e coinvolgente, riuscendo a catturare l’attenzione del lettore fin dalle prime righe e mantenendo l’interesse sempre a un livello costante fino alla fine.

Gli appalti pubblici in mano alla camorra


“Una vita contro la camorra” di Paolo De Chiara è una “scomoda testimonianza”, forte e allo stesso tempo toccante, che descrive accuratamente le vicissitudini di un testimone di giustizia, deciso ad uscire vincitore nella lotta contro la criminalità organizzata.

Il libro offre uno spaccato di vita diretto e proprio delle difficoltà e dei pericoli costretti ad affrontare coloro che scelgono di denunciare i poteri forti e corrotti dalle mafie, consapevoli di mettere a rischio non solo la propria vita per il bene della società, ma anche quella delle rispettive famiglie.

Il protagonista, Giovanni Falconera, è un giovane squattrinato alla ricerca di un’occupazione. Durante una festa organizzata a conclusione di una campagna elettorale, entra in contatto con individui di dubbia moralità, arricchiti da soldi provenienti da illeciti e facili guadagni. Tra questi, emerge una figura particolarmente influente che gli propone un’opportunità lavorativa di alto livello, promettendogli ingenti corrispettivi e vari vantaggi. In questo modo, e senza volerlo, Giovanni si ritrova immischiato in una fitta trama di corruzione e criminalità.

Appalti pubblici truccati, lavori mal eseguiti, manodopera non specializzata e materiali scadenti sono alla base del grosso guaio in cui si troverà coinvolto. Ma sarà il crollo di un casello autostradale che lo spingerà ad indagare, denunciare e collaborare con le forze dell’ordine, assumendo così la posizione di testimone di giustizia. Attraverso una descrizione dettagliata e attenta, il libro segue passo dopo passo la trasformazione del protagonista: da semplice responsabile della sicurezza, Giovanni diventa il principale perno di un importante processo contro la criminalità organizzata.
In breve tempo, viene inserito in un programma di protezione, convinto che questo sia per lui un nuovo inizio, fatto sì di difficoltà e rinuncia, ma mai avrebbe immaginato di vedersi costretto ad abbandonare la sua famiglia, i posti a lui conosciuti e soprattutto la sua vera identità. È l’inizio dell’inferno che lo porterà all’isolamento, a momenti di depressione, sconforto e persino a contemplare il suicidio come via di fuga verso la libertà."

In questo libro, De Chiara utilizza uno stile diretto e coinvolgente, riuscendo a catturare l’attenzione del lettore fin dalle prime righe e mantenendo l’interesse sempre a un livello costante fino alla fine.

È diretto, chiaro ed emozionante, a volte irriverente e pungente, con l’intento di stimolare il pensiero critico nel lettore. La capacità di trasmettere i messaggi in maniera efficace, senza giri di parole, e l’innata abilità di creare un legame emotivo con il pubblico, sono il suo tratto distintivo. Nonostante la storia non sia scritta in prima persona, risulta comunque intima e toccante perché è in grado di trasfondere non soltanto le emozioni ma anche la percezione del pericolo vissuti dal protagonista.

Il libro segue in ordine cronologico i fatti fondamentali della storia di Giovanni, alternando momenti di tensione a quelli di riflessione personale del protagonista, permettendo così al lettore di immergersi completamente nel viaggio emotivo del testimone di giustizia.

Il focus del libro è il coraggio di denunciare e l’impellente necessità di Giovanni di riscattare la sua persona, per lungo tempo trattata, anche dallo Stato, come un peso o un qualunque delinquente. De Chiara non si limita a riportare semplicemente i fatti accaduti, si spinge oltre, scandagliando la personalità del testimone, evidenziando la solitudine, la paura e il senso di responsabilità che accompagnano la scelta di testimoniare. Il concetto è inequivocabile: anche ‘una vita (persona) contro la camorra’ può far la differenza

La nuova pubblicazione di De Chiara, edita da Bonfirraro, si differenzia da altri lavori che trattano lo stesso argomento, per la sua semplicità e l’autenticità con la quale indaga sulle inevitabili conseguenze che comporta la scelta di diventare testimone di giustizia.

Il punto di forza è nella sua capacità di descrivere il protagonista nella sua umana fragilità mostrando non solo l’eroe ma anche la parte più vulnerabile e i dubbi che si insinuano nella sua mente. La descrizione e l’attenzione messi nel raccontare i dettagli della vita sotto protezione del testimone di giustizia, rendono la lettura coinvolgente e istruttiva sotto molti aspetti.
‘Una vita contro la camorra’ è un libro a cui non si dovrebbe rinunciare se si è interessati alle storie di uomini e donne di coraggio e alla lotta per la legalità. La vicenda di Giovanni Falconera è non solo avvincente, ma la profondità emotiva che emerge durante la lettura la rende un’esperienza toccante e stimolante per chiunque voglia conoscere meglio le sfide e i sacrifici a cui sono costretti i testimoni di giustizia.

Un libro che mette in luce una realtà troppo spesso celata, che merita rispetto e ammirazione verso coloro che, nonostante tutto, scelgono di denunciare.


ACQUISTA IL LIBRO ON LINE, CLICCA QUI

GUARDA IL VIDEO DELLA TRASMISSIONE:

 

«Ho denunciato e ho firmato la mia condanna a morte. Ma ho salvato tante vite umane»

LEGGI ANCHE:

- «POSSONO CROLLARE ALTRE OPERE PUBBLICHE», la pesante denuncia del testimone

- UNA VITA CONTRO LA CAMORRA, il nuovo libro di Paolo De Chiara arriva a Venafro 

 

ALTRE OPERE DELL'AUTORE

Paolo De Chiara autore del libro

Una fimmina calabrese, così Lea Garofalo sfidò la ‘ndrangheta

Questa è la storia di Lea Garofalo, la donna-coraggio che si è ribellata alla ‘ndrangheta, che ha tagliato i ponti con la criminalità organizzata. Nata in una famiglia mafiosa, ha visto morire suo padre, suo fratello, i suoi cugini, i suoi parenti, i suoi amici, i suoi conoscenti.

Un vero e proprio sterminio compiuto da uomini senza cuore, attaccati al potere e illusi dal falso rispetto della prepotenza criminale.
Lea ha conosciuto la ‘ndrangheta da vicino: come tante donne, ha subìto la violenza brutale della mafia calabrese. Ha denunciato quello che ha visto, quello che ha sentito: una lunga serie di omicidi, droga, usura, minacce, violenze di ogni tipo. Ha raccontato la ‘ndrangheta che uccide, che fa affari, che fa schifo! È stata uccisa perché si è contrapposta alla cultura mafiosa, che non perdona il tradimento – soprattutto – di una fimmina.

A 36 anni è stata rapita a Milano per ordine del suo ex compagno, dopo un precedente tentativo di sequestro in Molise, a Campobasso.

La sua colpa? Voler cambiare vita, insieme a Denise. Per la figlia si è messa contro il convivente, i parenti, il fratello Floriano.

In questo Paese «senza memoria» lo Stato dovrebbe vergognarsi per come ha trattato e continua a trattare questi cittadini onesti, che hanno semplicemente fatto il proprio dovere. Gli esempi non possono essere accatastati.Devono poter sbocciare come candide rose, per inebriare le nostre menti delle loro passioni, della loro forza e del loro immenso coraggio. Senza dimenticare i familiari delle vittime, nemmeno loro possono essere lasciati soli.

Le mafie, sino a oggi, hanno ucciso più di 150 donne. Solo grazie alle fimmine è possibile immaginare un futuro diverso per questo Paese, un futuro senza il puzzo opprimente di queste organizzazioni criminali, che possono tutto per la loro immensa potenza economica e militare. Per i loro legami secolari con la politica e le Istituzioni. Con Lea e con Denise non hanno potuto nulla.

 

LEGGI ANCHE:

 

- Seconda edizione Premio Lea Garofalo, parla De Chiara: «Dobbiamo continuare ad impegnarci sempre di più»

- Premio Lea Garofalo, parla Gennaro Ciliberto: «La denuncia dovrebbe essere un atto normale, ma in Italia non è così»

- Premio Lea Garofalo, parla Marisa Garofalo: «I giovani sono fondamentali per la memoria delle vittime delle mafie»

- Premio Nazionale Lea Garofalo, parla Angela Napoli: «La mafia oggi è molto più pericolosa di prima»

- Premio Lea Garofalo, parla Veronica Conti: «Bisogna tenere viva la memoria nei confronti di Lea Garofalo»

- Premio Nazionale Lea Garofalo, ecco il PROGRAMMA ufficiale degli eventi

- Noi siamo liberi e non abbiamo Padroni

- Inutili lezioni di moralità

 

I NOSTRI ARTICOLI SULLA VICENDA DI PETILIA POLICASTRO

- La bestia Carlo Cosco, mafioso-assassino-ergastolano, è nuovamente rientrata al paesello

- Lea Garofalo, a Petilia non sanno da che parte stare?

Il Governo che dice di lottare contro le mafie e non risponde nemmeno ad una interrogazione

- L'inutile scomunica lanciata contro i mafiosi

- Funerali del mafioso Curcio, la nota del Comitato: «Lo Stato deve intervenire»

- Funerali del mafioso Curcio, per la Prefettura: «I manifesti sono stati inopportuni» 

- Funerali del mafioso Curcio, parla Traina: «Il Prefetto di Crotone deve intervenire per dare un segnale forte»

- Funerali del mafioso Curcio, parla Luana Ilardo: «Un gesto penoso»

- Funerali del mafioso Curcio, parla don Algemiro (parroco di Camellino): «Una persona che uccide va contro Dio»

Mafiosi scomunicati ma non troppo, per Welby porte chiuse senza pietà

- Funerali del mafioso Curcio, parla Ravidà: «Il Comune di Petilia Policastro deve essere commissariato»

- Funerali del mafioso Curcio, parla il consigliere Fico: «chi ha partecipato deve dimettersi»

- Funerali del mafioso Curcio, l'OdG Molise: «Una volgare aggressione per Wordnews.it e il direttore Paolo De Chiara»

- Funerali del mafioso Curcio, parla il capogruppo della minoranza: «Hanno combinato un pasticcio»

- Funerali del mafioso Curcio, interviene Salvatore Borsellino: «C’è soltanto da vomitare»

- FUNERALI del MAFIOSO CURCIO. Parla Pino Cassata (Agende Rosse Rozzano): «Un cattivo esempio per i giovani»

- FUNERALI DEL MAFIOSO CURCIO: non potevano mancare le (inutili) MINACCE

- IL CASO IN PARLAMENTO. Ci sarà una risposta del Governo per i «manifesti» e i «festosi funerali» dell'assassino Curcio (il massacratore di Lea Garofalo)?

- E' la stampa, bellezza... fatevene una ragione

- CARTA CANTA. Il rap del vice-sindaco di Petilia Policastro: «Già sta sciacallando abbastanza...»

- Funerale del mafioso Curcio. Noi restiamo in attesa delle risposte da parte del vice-sindaco di Petilia

- Funerali del mafioso Curcio. Ma era presente anche il vice-sindaco di Petilia?

- Funerali del mafioso Curcio. Per Gennaro Ciliberto: «Un segnale di potenza»

- Funerali del mafioso Curcio. Ecco le reazioni (social) dopo le dimissioni dell'assessora Berardi

- Funerali Curcio (assassino ‘ndranghetista), parla il Sindaco in consiglio comunale: «Una enorme bufera mediatica»

 

Funerali Curcio (assassino e sedicente suicida): è caduta la prima testa

 

- Vicenda Curcio (massacratore 'ndranghetista), parla Brugnano: «Se il sindaco non si vuole dimettere rimuovesse l'assessora»

- Petilia: la presenza dell'assessora al funerale del killer Curcio approda in consiglio comunale?

- Funerale “festoso” per il killer, parla Piera Aiello: «Vergognatevi e andatevene a casa»

- E se Curcio (ergastolano 'ndranghetista) non si fosse suicidato?

Funerali Curcio, parla Ascari (commissione Antimafia): «Una vergogna. Presenterò una interrogazione parlamentare»

- Parla don Pasquale, il prete che ha celebrato il funerale di Curcio (il massacratore di Lea Garofalo): «Non c’è stato nessun divieto da parte della Diocesi»

- Manifesti funebri per il massacratore di Lea Garofalo. Parla Angela Napoli: «Sono indignata»

- Il VIDEO del funerale di Curcio, l'ergastolano, condannato per la distruzione del cadavere di Lea

- Lea Garofalo: i manifesti per il killer hanno aperto una voragine. Ma chi ha autorizzato il «festoso» funerale?

- Manifesto morte killer Curcio, dopo la tempesta arrivano le scuse del sindaco: «Le mafie fanno schifo»

OMICIDIO LEA GAROFALO: i «festosi» funerali per l'ergastolano Curcio

OMICIDIO LEA GAROFALO, dopo il suicidio di Curcio parla l’avv. Staiano, il suo ex legale: «Uno sventurato, è stato coinvolto nell’omicidio. Non si è potuto rifiutare»

OMICIDIO LEA GAROFALO, si è impiccato in carcere a Opera l'ergastolano Rosario Curcio

 

Giornalismo italico. A cosa servono le «regole» e i corsi di formazione?

 

- Manifesto per il killer di Lea Garofalo, irrompe l'ex sindaco: «Solo sciacallaggio politico»

Manifesto per il killer di Lea Garofalo, l'intervento delle Agende Rosse di Bisognano (Cosenza): «Il Comune da che parte sta?»

- Manifesto per il killer di Lea Garofalo, il risveglio dell'opposizione

 

Lea Garofalo, 14 anni fa il tentato sequestro di Campobasso

Scempio a Pagliarelle, colpita la pietra che ricorda Lea Garofalo

Premio Nazionale Lea Garofalo, tutto pronto per la tre giorni di eventi in Calabria

- Carlo Cosco, l’ergastolano parlante: «Non fate demagogia pietosa»

Il ritorno della bestia Carlo Cosco

OMICIDIO LEA GAROFALO. Il suo assassino è ritornato per quattro ore in paese, a Pagliarelle (Crotone). Ufficialmente per fare visita a sua madre "moribonda". La donna, Piera Bongera, solo qualche giorno prima è stata vista arzilla e serena in un supermercato. Cosa hanno in mente questi criminali? Perchè sul territorio è rientrato anche il cugino Vito Cosco, implicato nella strage di Rozzano? Per l'avvocato Guarnera: «Hanno preparato l'ambiente per dare un segnale allo stesso ambiente».

 

Carlo Cosco: la bestia si sta riorganizzando sul territorio?

Una strada per Lea Garofalo a Pagliarelle (Crotone)

Una montagna di sterco

Il Coraggio di Dire No a Taurianova

Per non dimenticare la fimmina calabrese che sfidò la schifosa 'ndrangheta

Lea Garofalo. Il Coraggio di dire NO

Lea Garofalo fa ancora paura

- LEA GAROFALO. 5 maggio 2009: il tentato sequestro di Campobasso

LEA GAROFALO. Il tentato sequestro di Campobasso

«Lea Garofalo è una testimone di giustizia»

- Il grido d'aiuto (inascoltato) di Lea Garofalo

“Lea, in vita, non è stata mai creduta”

«Con Lea Garofalo siamo stati tutti poco sensibili»

UNDICI ANNI DOPO

 

- Tutto pronto per la 2^ edizione del Premio Nazionale Lea Garofalo

- Premio Nazionale Lea Garofalo 2022