I cittadini di Taranto si mobilitano

MANIFESTAZIONI. Per due giorni, il 12 e il 13, molti cittadini tarantini si sono dati appuntamento a Roma per far sentire le proprie ragioni, nella speranza di una sentenza che possa ridare speranza a Taranto e un futuro diverso ai bambini nati in una terra avvelenata e devastata dall'inquinamento. 

I cittadini di Taranto si mobilitano

Giovedì 13 maggio ci sarà la sentenza del Consiglio di Stato che si pronuncerà in merito alla chiusura degli impianti a caldo delle acciaierie di Taranto.
Per due giorni, il 12 e il 13, molti cittadini tarantini si sono dati appuntamento a Roma per far sentire le proprie ragioni, nella speranza di una sentenza che possa ridare speranza a Taranto e un futuro diverso ai bambini nati in una terra avvelenata e devastata dall'inquinamento. 


Ne parliamo in diretta con Massimo Castellana della Ass. Genitori tarantini e all' Avv.Maurizio Rizzo Striano.

LEGGI ANCHE:

ILVA, parla Bonelli (Verdi)

Taranto, parla Erri De Luca: «La classe politica non è stata peggiore del suo elettorato»

Taranto: «i bambini sono vittime innocenti»

Il dramma di Taranto riguarda tutti noi

Video intervista all'operaio di Taranto licenziato

Ex Ilva. Per il sindacalista: «esiste un clima di terrore all’interno della fabbrica»

Vietato contestare: accade all'acciaieria di Taranto

Taranto, esplosione all'ex Ilva: «Abbiamo evitato la strage»

Taranto: il bavaglio ai lavoratori

- Ex Ilva, il TAR si pronuncia: «Impianti spenti entro 60 giorni in quanto fonte di emissioni»

Taranto tra morti e veleni

Taranto, una bara bianca per Federica

L'ennesimo accordo fra lo Stato e ArcelorMittal che fa tremare Taranto

Taranto avvelenata. Massimo Wertmuller: «alla politica manca una visione a lungo termine»

Taranto, i veleni e una politica che guarda altrove. Parla Massimo Castellana, associazione Genitori Tarantini

Taranto, le lacrime dei bambini pesano più della Terra intera

Taranto, non ci sono dubbi, è stata venduta alla grande industria