IT.A.CÀ MIGRANTI E VIAGGIATORI – FESTIVAL DEL TURISMO RESPONSABILE

Da Venerdì 6 agosto 2021 a Domenica 8 agosto 2021 la 13^ edizione del tour nazionale di “IT.A.CÀ Festival del Turismo Responsabile” arriva, per la prima volta, sulle “Colline alto crotonesi – da Umbriatico a Caccuri”, con la tappa promossa dallo stesso comune di Umbriatico, Borgo della Salute e Paese della Podolica, e dall’ass. “Napoli inVita. Persone Idee Opere per lo sviluppo sociale della Città”. Il prossimo fine settimana, questi territori della provincia di Crotone più vicini alla Sila saranno animati da itinerari di trekking e visite turistiche guidate, presentazione di libri, tavole rotonde e workshop, incontri con le comunità locali, laboratori didattici per bambini, sagre di enogastronomia locale, musica popolare e contest fotografici, per vivere l'emozione del viaggio in maniera responsabile.

IT.A.CÀ MIGRANTI E VIAGGIATORI – FESTIVAL DEL TURISMO RESPONSABILE

Tema della 13^ edizione del Festival è “Il diritto di respirare”, espressione utilizzata dal filosofo camerunese Achille Mbembe, inteso come “diritto primordiale di abitare la Terra” e come “diritto specifico della comunità universale degli abitanti della Terra, umani e non”. La tappa alto crotonese intende mostrare che in Calabria esistono – o che, in molti luoghi, è possibile ricostituire con l’impegno delle comunità locali e dei turisti “cittadini temporanei” – le condizioni necessarie per garantire il “diritto a respirare” in questo significato “universale”: non solo le condizioni ambientali (l’aria pura) ma anche le condizioni culturali (l’ampio respiro di 4000 anni di storia) e quelle legate alla riaffermata legalità (che consente al tessuto socio economico di tornare a respirare).

 

La tappa alto crotonese del Festival si aprirà il 6 agosto 2021, dalle 10.00 alle 13.00, nella prestigiosa cornice del “Premio Letterario di Caccuri” (giunto alla X edizione), che ospiterà la tavola rotonda “Respirare l’aria pura, la cultura e la legalità della Calabria”, moderata da Ursula Basta (ass. “Fili Meridiani”) e introdotta da Luigi Mingrone (ass. “Napoli inVita”), con la partecipazione di Giovanna Panebianco (ass. “Frammenti” – Museo archeologico di Cirò Marina), di Filippo Queirolo e Caterina Perri (ricerca sulle aree interne del territorio, Università della Calabria), dello studioso di storia locale Giovanni Cristofali (il mistero della croce di Pauciuri), della guida ambientale escursionistica Alessandro Frontera (che presenterà il suo primo libro “Calabbria Cost tu Cost”), della giornalista Ursula Basta (che presenterà il progetto turistico e di sviluppo locale “Instaruga. Dentro la Calabria”), di Adriana Colacicco e Gerardo Gatti di “Progetto di Vita” (che parleranno delle loro attività a tutela della legalità nel territorio calabrese). La tavola rotonda sarà allietata da intermezzi di musica popolare, a cura di Eugenio Iocca. Infine, educatrici dell’ass. “Napoli inVita” intratterranno i bambini in attività di edutainment per conoscere, giocando, la storia e la natura del territorio.

Nel pomeriggio del 6 agosto, dalle 18.00 alle 20.00, si svolgerà, ad Umbratico, la visita guidata (trekking urbano) “Il respiro del Borgo, dal medioevo agli anni 2000”, a cura della guida ambientale escursionistica Alessandro Frontera (prenotazioni su www.instaruga.it ).

 

Nella serata dello stesso venerdì 6 agosto sarà inaugurato, nella piazza di Perticaro (frazione del Comune di Umbriatico, lungo la SP 7), il Villaggio IT.A.CÀ che resterà aperto per tutta la durata del tappa calabrese. In serata si incontreranno vecchie e nuove generazioni, per ascoltare musica della tradizione locale, con Peppe Mancari ed il suo Trio, e gustare i prodotti tipici di queste terre, durante la “Sagra del Vino e della Podolica” (il vino è il Cirò dei vitigni locali e la podolica è la mucca che percorre le vie della transumanza, lungo le quali si trova Umbriatico). All’inizio di questo evento Alessandro Frontera consegnerà il suo primo libro “Calabbria Cost tu Cost”, come dono del Comune di Umbriatico ai bambini delle scuole locali.

 

La giornata di sabato 7 agosto 2021 vedrà svolgersi gli eventi tra Umbriatico e Perticaro, con workshop e testimonianze dedicate al “Respiro della cultura e della legalità”, e il comune arbëresche (minoranza linguistica albanese) di Pallagorio, che ha dato il suo patrocinio al Festival fornendo un prezioso contributo di diversità culturale grazie alle origini di questa popolazione (risalenti all’epoca dell’eroe Scanderbeg che, intorno alla metà del 1400, combatté i Turchi ottomani invasori delle terre albanesi).

Ad Umbriatico dalle 10.00 alle 12.00, proprio in questo giorno di Festa del Santo Patrono, nel suggestivo ambiente della cripta sottostante l’ex Cattedrale di S. Donato, si volgerà il workshop sui 4000 anni di storia del Paese, con un focus sull’affascinante presenza templare in questi luoghi, da scoprire ancora a pieno e sulla quale sono tuttora in corso studi e ricerche. All’incontro parteciperanno Filippo Grammauta (Rettore dell’”Accademia templare nazionale” in Roma) ed Enzo Valente (Direttore della sezione di Cirò Marina dell’Accademia), Giuseppe Pisano e Giovanna Panebianco (studiosi locali) e Alessandro Frontera (guida ambientale escursionistica, che racconterà esperienze di scoperta della storia locale attraverso i cammini).

 

Con un breve spostamento a Perticaro, alle 12.30, si raggiungerà l’ex Seminario vescovile - ristrutturato dai Frati dell’Opera S. Maria della Luce – dove si ascolteranno le “testimonianze che tolgono il respiro” della stessa comunità di fraternità e dei fondatori del Progetto di Vita, Adriana Colacicco e Gerardo Gatti, che hanno fatto nascere e gestiscono l’Ufficio della Legalità ad Umbriatico. Le testimonianze saranno raccolte dal giornalista Antonio Lazzari e trasmesse live sul canale youtube di IT.A.CÀ Festival del Turismo Responsabile.

A Pallagorio, dalle 19.30 alle 22.00, si potrà ascoltare “Il respiro dell’incontro con le altre culture”, attraverso la visita guidata alla scoperta del Borgo e della cultura arbëresche; in particolare si potrà visitare “Muzè – Spazio Espositivo Arberia”, il neonato progetto dell’ass. “Fili Meridiani”. La serata coinciderà con l’inizio del Festival “Lule lule, Mace mace” (“Fiori fiori, Mazzi mazzi”), che proseguirà per il mese di agosto 2021 con eventi culturali, musicali ed enogastronomia.

 

La seconda giornata del Festival calabrese si concluderà con il suggestivo trekking notturno “Ascoltando il respiro del bosco”, percorso esplorativo a cura di Alessandro Frontera, per le “vie” del Monte Pomillo, con partenza da Pallagorio alle 22.00 e ritorno alle 23.30 (prenotazioni su www.instaruga.it ). Durante il percorso si raggiungerà la “Bella vista”, per ammirare il cielo stellato ed il suggestivo paesaggio di questi monti e colline.

 

L’ultima giornata del Festival calabrese, domenica 8 agosto, si aprirà, dalle 9.30 alle 12.00, con il trekking dedicato a “Il respiro del paesaggio alto crotonese” (con appuntamento a Perticaro, fraz. Di Umbriatico, in piazza Padre Pio, e prenotazioni su www.instaruga.it). Si andrà alla scoperta del Monte Pescaldo, riconosciuto “area SIC” (Sito di Interesse Comunitario) e, giunti, sulla cima di Cozzo del Pesco, si potranno scorgere persino la costa ionica e le montagne della Sila. Il trekking è curato dalla guida turistica ambientale Alessandro Frontera, che accompagnerà i partecipanti insieme ad un esperto del territorio, testimone diretto della riforestazione di questa zona dell’alto crotonese (risalente agli anni Settanta-Ottanta del Novecento).

 

Al termine della passeggiata, si andrà a riposare e a pranzare nell’accogliente oasi naturale e spirituale creata dai Frati dell’Opera di S. Maria della Luce a Perticaro (fraz. di Umbriatico, SP 7), nell’ex Seminario vescovile con annessa chiesetta mirabilmente restaurata dalla popolazione locale.

La serata, con festa conclusiva, si svolgerà nella piazza centrale di Umbriatico, dalle 19.30 alle 24.00. Prima di cena si terrà un incontro “aperto” alla comunità locale, con la partecipazione del Sindaco Pietro Greco da tempo impegnato in efficaci iniziative per lo sviluppo del territorio. Si discuterà, propositivamente, su quale può essere “Il nuovo respiro della next generation alto crotonese”, tema comune a tante aree interne del nostro Paese, che può trovare prospettive nuove nelle iniziative del governo nazionale e locale, conseguenti alla crisi pandemica, nell’ambito del Piano nazionale di ripresa e resilienza (PNRR). Simbolicamente durante la serata sarà inaugurata un’opera di una giovanissima artista locale, che resterà stabilmente nel Paese. Sarà, inoltre, dato spazio al racconto delle iniziative per la legalità che stanno realizzando sull’intero territorio Adriana Colacicco e Gerardo Gatti di “Progetto di Vita”.

 

I momenti più conviviali della serata saranno affidati all’artista Gino Grande con il gruppo di musica popolare de “I Lumera” mentre, per la parte enogastronomica, si “approfitterà” del “Festival della Podolica” (organizzata dal Comune di Umbriatico, dal 1° al 24 agosto) per gustare la carne dei bovini, periodicamente in transito per le vie della transumanza che passano proprio in queste terre.

 

Durante tutto il fine settimana del Festival del Turismo Responsabile nell’alto crotonese, si potrà partecipare ad un contesto fotografico dal tema “Il diritto di respirare: luoghi e volti del Festival” (regole e modalità di partecipazione sull’account instagram “act_lab_napoli_invita”(https://www.instagram.com/act_lab_napoli_invita/?hl=it)

 

IT.A.CÀ Festival del Turismo Responsabile è nato nel 2009 a Bologna, da YODA aps, COSPE onlus e NEXUS Emilia-Romagna. Negli anni ha creato una rete importante, che oggi conta oltre 700 realtà̀ locali, nazionali e internazionali, coinvolgendo 25 territori e 15 regioni italiane. È il primo e unico festival in Italia che si occupa di turismo responsabile e innovazione turistica in un’ottica sostenibile, per vivere i territori nel rispetto delle culture e dell’ambiente. Nel 2018 ottiene un riconoscimento importante per l'eccellenza e l'innovazione nel turismo da parte dell’UNWTO (Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite). Ogni anno IT.A.CÀ invita a scoprire luoghi e culture attraverso itinerari a piedi e a pedali, workshop, seminari, laboratori, mostre, concerti, documentari, libri e degustazioni per lanciare un’idea di turismo più̀ etico e rispettoso dell’ambiente e di chi ci vive. Un cammino unico in tanti territori diversi, per trasformare l‘incoming in becoming. Coniugando la sostenibilità̀ del turismo con il benessere dei cittadini. Il Festival si rivolge a: cittadini, studenti, organizzazioni no profit, organizzazioni non governative, agenzie viaggi, turisti, volontari, istituzioni ed enti locali, comunità̀ di immigrati, artisti.

 

Per il programma completo della Tappa “Colline alto crotonesi – da Umbriatico a Caccuri”, 13^ ediz. IT.A.CÀ Festival del Turismo Responsabile e per ulteriori info:

sito ufficiale:

https://www.festivalitaca.net/portfolio-articoli/it-a-ca-colline-alto-crotonesi-da-umbriatico-a-caccuri/