Di Matteo: «Il sogno di Falcone tradito dallo Stato»

Il magistrato Nino Di Matteo intervistato da Fanpage il 23 maggio scorso.


Una lunga intervista in cui il giudice Di Matteo parla del processo Trattativa, di come con un “Colpo di spugna” (citando il suo ultimo libro) siano stati cancellati decine di migliaia di pagine di motivazione di sentenza di primo e secondo grado dello stesso processo. Specifica pure quale era l'ipostesi di reato:

“Noi avevamo contestato il reato di minaccia aggravata a corpo politico dello Stato. Ai mafiosi avevamo contestato una diretta minaccia a suon di bombe nel biennio '92-'94: Cosa Nostra metteva le bombe per ottenere certi scopi, per ottenere dalla politica favori. Agli ufficiali dei carabinieri e ai politici lo avevamo contestato sotto forma di concorso perché avevano fatto da cinghia di trasmissione tre le richieste mafiose e i tre diversi governi che si erano succeduti in quel periodo: il governo Amato, il governo Ciampi e il primo governo Berlusconi.”

Il magistrato ha parlato pure del pericolo che si sta correndo in Italia con le varie riforme della giustizia che si sono approvate negli ultimi anni e di come siano stati importanti le indagini partite con un ipotesi di corruzione o abuso d'ufficio, reati che in parte sono già stati ridimensionati o che si ha la voglia di eliminare:

“Sono molto preoccupato per alcune riforme del governo che sono in discussione in questo momento, alcune sono state anche già approvate. Indeboliscono moltissimo sia a livello processuale che sostanziale la lotta al sistema corruttivo. Sono molto preoccupato perché indebolire la lotta al sistema corruttivo significa indebolire anche la lotta alla mafia perché mai come in questi anni corruzione e mafia devono essere visti come fenomeni completamente distinti e separati. Anzi, stanno diventando sempre più due facce della stessa medaglia criminale. Non considero esatto il ragionamento, che spesso viene sbandierato da tutti i fautori delle riforme, in cui si sostiene che non si indebolirà la lotta alla mafia.”

Inoltre ha parlato di come lo Stato stia tradendo il sogno di Falcone:

“Il sogno di Giovanni Falcone, quello di una politica che rifiutasse qualsiasi tipo di rapporto con la mafia, è ancora molto lontano dal potersi dire realizzato. Mi trovo a pensare che forse questo Paese nei fatti sta tradendo il giudice”.

immagine di copertina dall'archivio di WordNews.it

 

LEGGI ANCHE:

- L'attacco di una certa politica alla magistratura che combatte le mafie

- Di Matteo: «Mentre ci sono le stragi una parte dello Stato cerca Riina»

- Di Matteo: «Il problema mafie non si riesce a risolvere, sta diventando un fattore di inquinamento economico a livello internazionale»

- Di Matteo: «Le riforme vanno in una direzione chiara, ridimensionano le armi in possesso della magistratura»

- Costantino Visconti continua ad attaccare Nino Di Matteo e Saverio Lodato/5

- Costantino Visconti continua ad attaccare Nino Di Matteo e Saverio Lodato/4

- Costantino Visconti continua ad attaccare Nino Di Matteo e Saverio Lodato/3

- Costantino Visconti continua ad attaccare Nino Di Matteo e Saverio Lodato/2

- Costantino Visconti continua ad attaccare Nino Di Matteo e Saverio Lodato/1



- L'INTERVISTA ESCLUSIVA AL MAGISTRATO NINO DI MATTEO

«Credo che l’opinione pubblica abbia non soltanto il diritto ma, oserei dire, il dovere di essere informata sui processi che sono stati celebrati e che non vengono raccontati dalla grande stampa. L’opinione pubblica deve essere informata e chi ha un ruolo all’interno dello Stato, della magistratura e delle forze di polizia, ha il dovere di non fermarsi.»

Nino Di Matteo

LEGGI LA PRIMA PARTE: mercoledì 28 aprile 2021

Di Matteo: «Non abbiamo bisogno di una magistratura conformista»

https://www.wordnews.it/di-matteo-non-abbiamo-bisogno-di-una-magistratura-conformista

- LEGGI LA SECONDA PARTE: venerdì 30 aprile 2021

«Con determinati ambienti non si può convivere o tanto meno trattare»

https://www.wordnews.it/con-determinati-ambienti-non-si-puo-convivere-o-tanto-meno-trattare

- LEGGI LA TERZA PARTE: martedì 4 maggio 2021

Ergastolo ostativo: «Quella sentenza sancisce un principio che realizza uno dei principali obiettivi della mafia stragista»

https://www.wordnews.it/ergastolo-ostativo-quella-sentenza-sancisce-un-principio-che-realizza-uno-dei-principali-obiettivi-della-mafia-stragista

 

L'INTERVISTA a Salvatore Borsellino

PRIMA PARTE. «Borsellino: «gli assassini di mio fratello sono dentro lo Stato»

SECONDA PARTE. «Chi ha ucciso Paolo Borsellino è chi ha prelevato l’Agenda Rossa»

TERZA PARTE. Borsellino «L'Agenda Rossa è stata nascosta. E' diventata arma di ricatto» 

 

L'INTERVISTA al colonnello dei carabinieri Michele RICCIO

Prima parte: «Dietro alle bombe e alle stragi ci sono sempre gli stessi ambienti»

Seconda parte: Riccio: «Mi ero già attrezzato per prendere Bernardo Provenzano»

Terza parte: «Non hanno voluto arrestare Provenzano»

Quarta parte: Riccio: «L’ordine per ammazzare Ilardo è partito dallo Stato»

 

Stato e mafie: parla Ravidà, ex ufficiale della DIA

 - Attilio Manca suicidato per salvare Bernardo Provenzano

INGROIA: «Lo Stato non poteva arrestare Provenzano»

INGROIA: «Provenzano garante della Trattativa Stato-mafia»

 

- Ma era ancora il Capo di Cosa nostra?

- Parla Ingroia: «Matteo Messina Denaro si è fatto arrestare»

«Il gelataio Baiardo è il messaggero dei Graviano»

- «Restano delle ombre», così l’On. Ascari si esprime sull’arresto di Matteo Messina Denaro

Arresto Messina Denaro, parla Ravidà: «Ho paura che possa accadere qualcosa di brutto in questo Paese»

- «L'arresto di Messina Denaro è una sceneggiata»

Matteo Messina Denaro, parla Sonia Alfano: «La politica si occupi seriamente di lotta alla mafia»

Dopo l'arresto di Messina Denaro: «Faccia i nomi delle coperture politiche ed istituzionali che hanno garantito la sua latitanza»

 

- Il pentito: «Matteo Messina Denaro è un pezzo di merda. Voglio parlare con Di Matteo»

 

C'è un patto tra Stato e mafia? Per l'On. Aiello: «Non si vogliono guastare gli equilibri»

Cimarosa: «I figli non possono pagare gli errori dei padri»

«Le persone sono più coraggiose a Castelvetrano»

«Abbiamo bisogno della vera Antimafia, non quella da passerella»

Ci restano le monete

La sagra dell'ipocrisia

 

- A cosa serve commemorare?

30 anni dopo: la benedizione sui candidati dei condannati per mafia

Un Paese al contrario