Graziella Accetta: «vogliamo la verità sull’uccisione di Claudio»

Claudio Domino fu ucciso il 7 ottobre 1996 a soli 11 anni, a Palermo, con un colpo di pistola in testa mentre giocava in strada.

Graziella Accetta: «vogliamo la verità sull’uccisione di Claudio»

Dalle ore 10:00 di giovedì 13 maggio la mamma Graziella Accetta Domino, se non verrà sentita dalla Procura insieme a suo marito Ninni, stazionerà davanti al Palazzo di giustizia per chiedere verità su chi ha ucciso suo figlio Claudio.

«Dobbiamo essere uniti per la giustizia. Abbiamo bisogno del sostegno di tutti.»

Questo è l’appello in favore della mamma del piccolo Claudio dopo le ultime rivelazioni della trasmissione “Atlantide” (La7) dove Lirio Abate e il procuratore Gianfranco Donadio hanno rivelato che Claudio Domino è stato ucciso da "Faccia da Mostro" (Giovanni Aiello, appartenente ai servizi e Killer di Stato) agente della polizia di Stato. Claudio Domino fu ucciso il 7 ottobre 1996 a soli 11 anni, a Palermo, con un colpo di pistola in testa mentre giocava in strada.

Questo omicidio cosi efferato su un piccolo innocente ad oggi è rimasto senza un perché e, soprattutto, senza un colpevole nonostante le diverse piste seguite in seguito a rivelazioni di vari pentiti.

Oggi la mamma e il papà del piccolo Claudio dicono basta. «Non è possibile dover sopportare un dolore cosi grande e apprendere dalla televisione che ci potrebbe essere una nuova pista e siamo stati tenuti all'oscuro di tutto.»

Oggi più che mai i genitori di Claudio hanno bisogno del sostegno di tutti perché vengano ricevuti dal dottor Scarpinato. Non è possibile apprendere dalle tv delle novità cosi grandi dopo cosi tanti anni. Anni dolorosi e difficoltosi durante i quali i genitori di Claudio non si sono mai arresi.

Il dolore e il grido di giustizia e verità dei genitori del piccolo Claudio è quello di tutti noi.